I risultati delle consultazioni per scegliere i candidati del M5S al Parlamento europeo

Pizzarotti: "È un dato di fatto che si sia candidata gente che noi non abbiamo mai visto"

Il Movimento 5 Stelle ha tenuto ieri un “primo turno” delle consultazioni online per scegliere i candidati del partito alle elezioni europee del prossimo 25 maggio. I candidati al primo turno erano 5.091, i votanti sono stati 35.188, le preferenze 92.877. Per ottenere la candidatura ad alcuni sono bastati 33 voti, per la gran parte poche centinaia. Alcuni esponenti e parlamentari del M5S hanno criticato questo procedimento – il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, ha detto: “È un dato di fatto che si sia candidata gente che noi non abbiamo mai visto”.

– Angelini Paolo (Abruzzo) 185 voti

– Pedicini Piernicola (Basilicata) 317 voti

– Laura Ferrara (Calabria) 133 voti

– Luigia Embrice (Campania) 208 voti

– Silvia Piccinini (Emilia Romagna) 193 voti

– Marco Zullo (Friuli Venezia Giulia) 168 voti

– Bianca Maria Zama (Lazio) 366 voti

– Alice Salvatore (Liguria) 258 voti

– Eleonora Evi (Lombardia) 556 voti

– Fabio Bottiglieri (Marche) 310 voti

– Pasquale Casmirro (Molise) 58 voti

– Francesco Attademo (Piemonte) 503 voti

– Rosa D’Amato (Puglia) 332 voti

– Nicola Marini (Sardegna) 225 voti

– Paola Sobbrio (Sicilia) 221 voti

– Silvia Fossi (Toscana) 429 voti

– Cristiano Zanella (Trentino Alto Adige) 134 voti

– Laura Agea (Umbria) 132 voti

– Manuel Voulaz (Valle D’Aosta) 33 voti

– David Borrelli (Veneto) 501 voti