Renzi: «Io ho giurato sulla Costituzione, non su Rodotà o Zagrebelsky»

Il presidente del Consiglio ha risposto alle critiche ricevute riguardo la riforma del Senato

In un’intervista di lunedì 31 marzo con il Corriere della Sera, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha risposto alle obiezioni espresse dal presidente del Senato Pietro Grasso – e da altri esponenti politici e senatori della Repubblica – riguardo la riforma del Senato, da tempo annunciata da Renzi all’interno di un più ampio piano di riforme costituzionali. Ieri Grasso ha chiesto che il Senato resti un’assemblea elettiva, e aveva avanzato dei dubbi sulle concrete possibilità di riuscire a ottenere una maggioranza per l’approvazione della riforma.

Renzi si è detto “colpito” che “la seconda carica dello Stato intervenga su un dibattito non con una riflessione politica e culturale, ma con una sorta di avvertimento” sul fatto che non ci siano i numeri. “Guardi che i professori, da Rodotà in giù, le danno torto”, gli ha detto Cazzullo nell’intervista, e Renzi ha risposto:

«Ho letto altri commenti di tanti professori, molto interessanti. Non è che una cosa è sbagliata se non la dice Rodotà. Si può essere in disaccordo con i professoroni o presunti tali, con i professionisti dell’appello, senza diventare anticostituzionali. Perché, se uno non la pensa come loro, anziché dire “non sono d’accordo”, lo accusano di violare la Costituzione o attentare alla democrazia? Io ho giurato sulla Costituzione, non su Rodotà o Zagrebelsky»

foto: Fabio Cimaglia / LaPresse