Le carceri italiane fotografate

Le immagini di alcuni dei più grandi fotoreporter italiani, per aiutare ad avere in mente di cosa parliamo, quando parliamo di carceri

Sabato 29 Marzo è stata inaugurata alla Wave Photogallery di Brescia una mostra di fotografie fatte all’interno delle carceri italiane, che si chiama “Dentro” e raccoglie i lavori di sei fotografi italiani: Renato Corsini, Gianni Berengo Gardin, Mauro D’Agati, Davide Ferrario, Rosi Giua e Uliano Lucas. “Far vedere” le carceri è un obiettivo importante per il giornalismo e il fotogiornalismo, in tempi in cui se ne discute molto e tutti hanno opinioni, ma in molti non hanno la percezione anche visiva di quello di cui si parla. Dice il comunicato stampa che “in un preciso momento nel quale l’argomento carceri con gli annessi problemi di sovraffollamento, reinserimento e ricerca di soluzioni necessita di un’approfondita riflessione che coinvolga l’intera società civile, i fotografi hanno lavorato in diversi istituti di pena indagando “dal di dentro”. Il loro approccio è stato quello di entrare fisicamente nelle celle per stabilire con i detenuti un rapporto che doveva necessariamente essere di reciproca fiducia, di unanime comprensione dei problemi e di autentico rispetto per le singole personalità”. La mostra sarà aperta fino al 30 aprile.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.