• Media
  • venerdì 28 febbraio 2014

La telefonata sul sottosegretario Gentile e sul giornale calabrese “censurato”

La settimana scorsa un quotidiano calabrese non è uscito in edicola perché, dice il direttore, conteneva un articolo “sgradito” al neo sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti

Venerdì 28 febbraio Antonio Gentile, senatore del Nuovo Centrodestra (fu eletto al Senato per la prima volta nel 2001, con Forza Italia), è stato nominato sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti nel governo Renzi. Antonio Gentile è fratello di Pino Gentile, che è assessore regionale in Calabria, e zio di Katia Gentile, che è stata vicesindaco di Cosenza.

Da diversi giorni il senatore Antonio Gentile – anche detto Tonino – è protagonista di una storia che ha coinvolto uno dei principali quotidiani calabresi, L’Ora della Calabria. Il giornale che sarebbe dovuto andare in stampa mercoledì 19 febbraio conteneva un articolo su un’indagine della procura di Cosenza per abuso d’ufficio, falso ideologico e associazione a delinquere a carico del figlio del senatore Gentile (Andrea, un avvocato che lavorava anche come consulente per l’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza). Il giornale non è invece stato pubblicato e – in una conferenza stampa tenuta nel pomeriggio di mercoledì 19 – il direttore Luciano Regolo ha detto di aver subito, martedì sera, delle pressioni da parte del proprietario della tipografia perché il giornale non andasse in stampa con l’articolo sul figlio di Gentile. Il proprietario della tipografia, Umberto De Rose, ha invece sostenuto che il giornale non sia andato in stampa per un problema tecnico alle rotative.

L’Ora della Calabria ha però da poco diffuso – nel giorno della nomina di Gentile, dieci giorni dopo l’accaduto – l’audio di una telefonata avvenuta quel martedì sera tra l’editore del giornale Alfredo Citrigno e De Rose (che oltre che tipografo dell’Ora della Calabria è anche presidente della società finanziaria a capitale pubblico Fincalabra). Durante la telefonata De Rose suggerisce con insistenza a Citrigno di togliere l’articolo e di non “inimicarsi” la famiglia Gentile, confermando quindi la versione del direttore del giornale Regolo, e alludendo a ritorsioni possibili. Per comprendere tutti i particolari della telefonata occorre tenere in considerazione che il padre di Alfredo Citrigno – Pietro, precedente editore e fondatore di Calabria Ora – è un imprenditore recentemente condannato per usura: è a lui che sembrerebbe riferirsi De Rose (che a sua volta è accusato di evasione fiscale) durante la telefonata quando ricorda al figlio Alfredo i rapporti che la famiglia Gentile avrebbe con i “tribunali”. La storia circola da diversi giorni su diversi giornali locali. Gentile ha negato qualsiasi coinvolgimento e ha annunciato querele.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.