• Cultura
  • mercoledì 19 Febbraio 2014

10 fotografie di Franco Fontana

Le immagini coloratissime della più grande retrospettiva romana dedicata all'artista modenese

Il 15 ottobre 2014 inaugura la più grande retrospettiva allestita a Roma sul fotografo modenese Franco Fontana. Sono esposte oltre 130 fotografie: i paesaggi degli esordi fotografati negli anni ’60, le diverse ricerche dedicate alla città, le immagini scattate negli Stati Uniti, le fotografie dedicate al mare. La mostra – che si era precedentemente tenuta nella Casa dei Tre Oci a Venezia – verrà ospitata a Palazzo Incontro fino all’11 gennaio 2015.

Franco Fontana è nato nel 1933 a Modena. Ha iniziato a fotografare negli anni Sessanta e ha frequentato altri autori concettuali tra cui Franco Vaccari, Claudio Parmeggiani, Luigi Ghirri e Franco Guerzoni. Fontana è attratto dal tessuto urbano, da suoi componenti come porzioni di muri, dalle stratificazioni della storia, dalla luce, dalle forme e dalle sovrapposizioni e, da sempre, si è dedicato al colore e all’astrattismo. Nel testo che ha scritto per spiegare la mostra, racconta:

Con l’aiuto del colore, la creatività diventa sinonimo di un movimento che genera vita. Ma il colore è anche sensazione fisiologica, interpretazione psicologica emozionale, ed è per questo fondamentale soprattutto nella fotografia.

La forma è la chiave dell’esistenza, ed io cerco di esprimerla fotografando lo spazio, in correlazione con le cose coinvolte in esso. Lo spazio non è ciò che contiene la cosa ma ciò che emerge in relazione della cosa. Tutto ciò che ci circonda può venire ripreso per essere testimoniato con significato.

Nel 1963 ha esposto alla Terza Biennale Internazionale del Colore a Vienna. Da allora ha pubblicato circa 40 libri, ha esposto in musei pubblici e gallerie private di tutto il mondo, ha ottenuto importanti riconoscimenti e premi, in Italia e all’estero. Ha collaborato e collabora con riviste e quotidiani e molte sue opere sono state incluse nelle maggiori collezioni mondiali.