• Mondo
  • mercoledì 5 febbraio 2014

Il sindaco di New York non parteciperà alla parata di San Patrizio

Bill de Blasio sarà il primo sindaco in vent'anni a non partecipare, per via del divieto di esporre simboli riferibili alla comunità gay

Martedì 4 febbraio il sindaco di New York Bill de Blasio ha fatto sapere che quest’anno non parteciperà alla tradizionale parata per il giorno di San Patrizio a Manhattan il prossimo 17 marzo, per colpa delle tensioni con i gruppi gay che da molti anni caratterizzano la manifestazione e per il divieto di esporre simboli riferibili alla comunità gay durante la parata. Gli organizzatori sostengono che distrarrebbero dal reale significato della sfilata: celebrare l’eredità irlandese. De Blasio sarà così il primo sindaco di New York in vent’anni a non prendere parte all’evento, che è molto importante per la grande comunità irlandese-americana: quest’anno gli organizzatori si aspettano più di un milione di persone a sfilare sulla Fifth Avenue.

«Non sono d’accordo con gli organizzatori riguardo la loro decisione di escludere alcuni individui della città», ha detto De Blasio in una conferenza stampa alla City Hall, specificando che prenderà parte a diversi altri eventi per il giorno di San Patrizio, «per onorare l’eredità irlandese di questa città». Gli ultimi due sindaci di New York, Rudolph Giuliani e Michael Bloomberg, non sono mai mancati alla parata, mentre De Blasio aveva già rifiutato di sfilare quando era difensore civico della città.

La decisione di De Blasio è stato subito criticata da William Donohue, presidente di un’organizzazione locale in difesa dei diritti dei cattolici. Donohue ha detto di essere «felice» per il fatto di non dover marciare accanto a «un funzionario pubblico che non vuole essere associato ai cattolici irlandesi». De Blasio è stato criticato anche da alcuni alleati politici, che hanno detto che il sindaco dovrebbe fare di più che censurare gli organizzatori della parata.

La festa di San Patrizio, il santo patrono d’Irlanda (che non era irlandese e nel corso dei secoli venne forse confuso con un altro santo, San Palladio), nacque in Irlanda nel XVII secolo con un significato religioso e in seguito si diffuse nelle zone di forte immigrazione irlandese, come per esempio gli Stati Uniti nord-orientali, diventando una celebrazione dell’irlandesità e del suo folclore. Per l’occasione si organizzano parate nelle strade delle città: quella di New York generalmente attrae circa 150 mila partecipanti e due milioni di spettatori.

Nella foto: Bill de Blasio alla parata di San Patrizio nel quartiere di Queens, a New York, nel 2013 (AP Photo/Mark Lennihan)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.