• Media
  • domenica 2 Febbraio 2014

20 grandi reportage interattivi

Gli articoli lunghi che sono anche tante altre cose: video, foto, mappe e grafici in un nuovo genere del giornalismo online

Insieme alla riscoperta degli articoli lunghi, negli ultimi anni si è sviluppata nel mondo dell’informazione online una tendenza graficamente innovativa a pubblicare reportage molto lunghi accompagnati da foto, grafici, mappe, video e altri tipi di contenuti – impaginati con grande accuratezza estetica – che scorrono insieme al testo, per lo più verticalmente. Questo formato giornalistico – sempre più diffuso, ma comunque non frequentissimo in rapporto alla quantità totale di articoli lunghi pubblicati, ed evidentemente non così semplice da realizzare – trasforma la lettura tradizionale in una specie di lettura interattiva, frequentemente intervallata dalla visione di contenuti non testuali. Richiede solitamente al lettore parecchio tempo a disposizione, più di quanto non ne sarebbe richiesto dalla lettura del solo testo.

Uno degli esempi più citati quando si parla di questo nuovo formato è l’articolo “Snow Fall” del giornalista John Branch, che fu pubblicato sul New York Times a dicembre del 2012 e vinse un Pulitzer ad aprile dell’anno seguente. Da allora il genere dei lunghi reportage con video, foto e molto altro “incastonati” nel testo ha alimentato un dibattito tra quelli che lo ritengono un formato gradevole e coinvolgente, capace di integrare tutti i tipi di contenuti fruibili via web, e quelli che pur ammettendo una specificità di questo tipo di prodotto non lo trovano innovativo dal punto di vista giornalistico, e lo ritengono semmai un prodotto complesso che ha a che fare non tanto o non solo con il giornalismo.

Da “Snow Fall” in poi molti grandi giornali come il New York Times (in particolare nel suo magazine domenicale) hanno ampliato la loro offerta di questo genere di prodotto, e molti altri siti di magazine hanno aperto sezioni specifiche dedicate agli articoli lunghi che spesso – alcuni più alcuni meno, e non sempre – presentano caratteristiche assimilabili a quelle dei reportage interattivi (The Verge, Sports Illustrated, SB Nation). Segnaliamo 20 belle storie piene di foto, video, animazioni e altre trovate: serve un po’ di tempo, un buon computer e un monitor decente, e possibilmente poche altre finestre aperte sul browser.

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali