• Mondo
  • giovedì 30 Gennaio 2014

Il freddo nel sud degli Stati Uniti

Temperature ampiamente sotto zero, disagi e migliaia di persone bloccate sulle strade – e grandi fotografie di gelo e neve, per chi non si è ancora stufato

Almeno 12 persone sono morte nel sud degli Stati Uniti a causa del brutto tempo degli ultimi giorni, che ha portato nevicate e temperature fino a -34 °C in zone non attrezzate ad affrontare le emergenze dovute al grande freddo. Le nevicate non sono state particolarmente intense, con in media 7,6 centimetri di neve caduta, ma sono state sufficienti per fermare il traffico e bloccare migliaia di persone, impossibilitate a tornare a casa. Gli stati maggiormente interessati sono Alabama, Georgia, South Carolina, North Carolina e in parte Louisiana e Mississippi.

Tra Georgia e Alabama migliaia di studenti hanno trascorso la notte tra martedì e mercoledì nelle loro scuole, perché non era possibile organizzare i trasporti per riportarli a casa a causa della congestione del traffico sulle strade, bloccate dalla nevicata. Il governatore della Georgia, Nathan Deal, ha spiegato che il giorno seguente gli studenti sono tutti tornati a casa senza ulteriori disguidi. Nella zona di Atlanta, la capitale della Georgia, centinaia di pendolari hanno dovuto lasciare le loro auto lungo la tangenziale e trovare riparo in chiese, centrali dei vigili del fuoco e altri uffici pubblici perché non era possibile proseguire il viaggio, e restare una notte al gelo in auto non sarebbe stato praticabile né sicuro. È intervenuta la Guardia nazionale, la forza militare di riservisti dell’esercito statunitense, per portare acqua e cibo alla popolazione.

Nel South Carolina la polizia ha ricevuto oltre 800 segnalazioni di incidenti stradali dovuti al brutto tempo. Cinque persone sono morte in Alabama per alcuni incidenti d’auto, due in Georgia nella zona di Atlanta e due nel North Carolina. Altre quattro persone sono morte nello stato del Mississippi. L’estensione della perturbazione ha comportato anche la cancellazione di oltre 1.700 voli.

In molti casi le autorità locali sono state duramente criticate per come è stata affrontata l’emergenza dovuta al brutto tempo. I meteorologi avevano annunciato con largo anticipo l’arrivo della perturbazione, con il conseguente abbassamento delle temperature e la possibilità di nevicate relativamente intense. In molti stati non sono stati organizzati lavori preventivi di pulizia e mantenimento delle strade, attraverso lo spargimento di sale. Va comunque ricordato che nevicate e grande freddo non sono molto comuni nel sud degli Stati Uniti e sono pochi gli stati attrezzati per affrontare le emergenze.