• Internet
  • Questo articolo ha più di nove anni

Il “numero due” di Yahoo è stato licenziato

Il direttore operativo Henrique De Castro ha lasciato la società per decisione del CEO Marissa Mayer, che lo aveva assunto meno di due anni fa offrendogli decine di milioni di dollari

Mercoledì 15 gennaio Marissa Mayer, l’amministratore delegato (CEO) di Yahoo, ha annunciato il licenziamento di Henrique De Castro, direttore operativo (COO) e il secondo dirigente più importante nella società dopo il CEO. È la decisione più incisiva assunta da Mayer per quanto riguarda i manager dal 2012, anno in cui ha assunto l’incarico di guidare Yahoo dopo avere lasciato Google. La conclusione dei rapporti con De Castro era stata ipotizzata da diverse settimane, ma non ci si aspettava una fine così drastica.

Kara Swisher di Re/code, di solito molto bene informata sulle vicende che interessano Yahoo, ha pubblicato il messaggio interno che Mayer ha inviato a tutti i dipendenti per aggiornarli sulla vicenda. A differenza di quanto avviene di solito in questi casi, con comunicati ambigui e molto diplomatici, Mayer ha chiaramente scritto di avere assunto personalmente la decisione di licenziare De Castro.

L’inizio di un nuovo anno è l’occasione per fare qualche riflessione. Mentre entriamo nel 2014, posso dire di essere fiera di ciò che Yahoo ha ottenuto nel 2013 e di essere ottimista su ciò che potremo fare nel 2014. Desidero ringraziarvi tutti per essere così coinvolti e interessati a dove sta andando la società.

Nel corso delle mie riflessioni, ho assunto la difficile decisione di fare lasciare l’azienda al nostro COO, Henrique De Castro. Ho apprezzato la sua collaborazione e gli auguro il meglio per le sue attività future.

Pubblicità

Nel messaggio interno, Mayer spiega che almeno per il momento non sarà nominato un nuovo direttore operativo e che quindi gli incarichi che aveva De Castro saranno suddivisi e affidati ad altri dirigenti che già lavorano per Yahoo. Il COO lascia la società con una indennità di buono uscita di diverse decine di milioni di dollari. Solo nel 2012, anno in cui fu assunto nell’autunno, De Castro ricevette 40 milioni di dollari in parte in denaro e in parte in azioni e stock option.

De Castro era stato fortemente voluto da Mayer, entrambi avevano lavorato in precedenza per Google. Il CEO ne aveva annunciato l’assunzione dicendo di essere molto ottimista sulle cose che avrebbe potuto fare De Castro per Yahoo, soprattutto nel settore della pubblicità online, sul quale la società voleva e vuole tornare a crescere il più rapidamente possibile per migliorare i suoi conti. In meno di due anni le cose non sono però andate per il verso giusto: De Castro ha ottenuto risultati ritenuti trascurabili e la cosa non è naturalmente piaciuta a Mayer.

Swisher spiega che negli ultimi mesi De Castro era praticamente scomparso da tutti i principali eventi organizzati da Yahoo, sia con il pubblico come nel caso della recente presentazione al CES 2014 di Las Vegas sia privatamente con clienti e partner con cui stringere accordi. Alcuni dipendenti hanno parlato di riunioni con Mayer e De Castro in cui erano evidenti i rapporti molto tesi tra i due.

Per molti osservatori il licenziamento del direttore operativo era quindi nell’aria. È probabile che sia stato formalizzato in questi giorni perché a breve Yahoo renderà nota la propria ultima trimestrale di cassa, che secondo gli analisti sarà al di sotto delle aspettative, soprattutto per quanto riguarda l’andamento della pubblicità.