• Media
  • sabato 11 gennaio 2014

Il nuovo supplemento mensile del Guardian

Si chiama Do Something e insegnerà ai lettori come fare cose nuove, essere più creativi o migliorarsi in quello che sanno già fare

Da sabato 11 gennaio il quotidiano britannico Guardian esce in edicola con un nuovo supplemento mensile: si chiama Do Something e nelle intenzioni degli autori incoraggerà i lettori a “sviluppare nuove competenze e provare nuove esperienze”. Tramite i consigli degli esperti e i racconti degli autori e dei lettori del Guardian, insegnerà a fare cose nuove o a diventare più bravi in quelle che già sappiamo fare.

Sulla copertina del primo numero – curata dall’art director Chris Clarke e disegnata dall’illustratore Owen Gildersleeve – ci sono una serie di titoli, tutti in stili e caratteri tipografici differenti: “imparare ad andare sullo snowboard”, “fare nuove amicizie”, “lavorare a maglia una sciarpa invernale”, “allenarsi senza accorgersene”, “unirsi a un gruppo di canto”, “migliorare la propria memoria” e altri brevi titoli del genere.

Il giornalista del Guardian Oliver Burkeman, in un editoriale-manifesto pubblicato all’interno del primo numero, ha scritto: «Non si tratta di ambiziose trasformazioni della propria vita, che promettono un nuovo inizio ma fanno stare ancora peggio quando falliscono. E non si tratta di spendere soldi in viaggi esotici o in nuovi hobby costosi. Si tratta delle cose modeste ma concrete che puoi fare per allargare i tuoi orizzonti o introdurre nuove abitudini utili nella tua vita».

Burkeman conclude: «Sono pochi tra noi quelli nella posizione di poter abbandonare una vita di regolarità in favore di una vita di spontaneità: la regolarità è quella che paga le bollette. Ma c’è una soluzione alla tensione tra routine e novità: il trucco è rendere nuova la routine». Il Guardian – che negli ultimi giorni ha promosso molto il nuovo supplemento – ha anche pubblicato un video promozionale che sta circolando parecchio.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.