Inverni di una volta

30 fantastiche fotografie scattate dal 1890 al secolo scorso in mezzo mondo (pioggia, neve, ghiaccio e gelo sono sempre uguali oppure no?)

Salvo quando non si lavora o non si studia, per molti una delle cose migliori da fare in questi mesi è starsene davanti al camino o sotto una coperta, e guardare dalla finestra mentre fuori piove, nevica o c’è foschia. Oltre all’inverno che ognuno di noi osserva dalla sua finestra, però, questi sono anche mesi di osservazione degli inverni degli altri: fotografie di neve, bufere, gelo, pupazzi di neve, laghi ghiacciati e gente imbacuccata vengono pubblicate continuamente da siti di news e giornali. Sono foto con tantissimo bianco mescolato a sfumature di azzurro e grigio, tanto da sembrare in molti casi in bianco e nero: e salvo fenomeni eccezionali sono simili anno dopo anno, abbiamo scoperto andando a cercare vecchie foto di inverni da tutto il mondo. A volte si confondono con quelle contemporanee, e mostrano come il nostro modo di divertirci in inverno non sia poi cambiato così tanto: a Vancouver si prende il sole distesi sugli sci, a Gerusalemme come a Johannesburg ci si lancia le palle di neve, bambini inglesi e suore di Fornova si divertono sullo slittino allo stesso modo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.