• Mondo
  • mercoledì 25 Dicembre 2013

Le foto di Arbaeen

È una festa sciita che si celebra in diverse città dell'Iraq e dell'Iran, e che porta tutti gli anni milioni di persone nella città santa irachena di Kerbala

Martedì 24 dicembre centinaia di migliaia di musulmani sciiti hanno celebrato la festa religiosa Arbaeen ritrovandosi a Kerbala, la terza città santa per gli sciiti, a circa 80 chilometri a sud-ovest di Baghdad, in Iraq. La festa di Arbaeen a Kerbala è tra i più grandi e affollati raduni di tutto il mondo (si parla di quasi 20 milioni di persone nel 2013): cade il 40esimo giorno dopo la Ashura, un’importante ricorrenza religiosa islamica, ed è l’anniversario del martirio di al-Husayn ibn Ali, nipote del profeta Maometto. Le celebrazioni, oltre che a Kerbala, si tengono tutti gli anni in diverse città di Iran e Iraq, gli unici due paesi del Medio Oriente insieme al Bahrein con la maggioranza della popolazione sciita (il resto della regione mediorientale è a prevalenza sunnita).

Quest’anno le autorità irachene hanno rafforzato di parecchio le misure di sicurezza in tutta Kerbala: migliaia di poliziotti e militari sono stati dispiegati in città per prevenire che si ripetessero attentati simili a quelli che hanno ucciso la settimana scorsa decine di persone. Per l’Iraq il 2013 è stato l’anno con più morti dal 2006-2007, con attentati e violenze tra sciiti e sunniti a cadenza quasi giornaliera. Nel 2014 ci sarà un appuntamento molto importante per tutto il paese: il 30 aprile si voterà per eleggere un nuovo parlamento, che a sua volta è incaricato di eleggere il primo ministro e il presidente.