• Cultura
  • Questo articolo ha più di nove anni

Il ritorno di Sandman

Quando fu interrotta la serie, nel 1996, era il fumetto più venduto della DC Comics: oggi è stato pubblicato negli Stati Uniti il primo di sei albi speciali, molto attesi

Mercoledì 30 ottobre è stato pubblicato negli Stati Uniti il primo di sei numeri speciali di Sandman, una famosa serie a fumetti fantasy creata dal 53enne scrittore inglese Neil Gaiman. Secondo le notizie diffuse dalla casa editrice Vertigo Comics (un marchio della DC Comics) e da Gaiman, i sei numeri si intitolano Sandman: overture, usciranno a cadenza bimestrale e saranno una specie di “prequel” delle storie raccontate negli albi usciti fra il 1988 e il 1996.

La serie, che aveva cadenza mensile, era stata interrotta dopo 75 numeri poiché Gaiman aveva esaurito le storie che aveva in mente di scrivere: ai tempi, infatti, disse che «è tempo di fermarsi ora perché ho raggiunto la fine, ed è meglio farlo mentre sono ancora innamorato della storia». Quando fu interrotta, la serie era la più venduta della DC Comics. In Italia i diritti di pubblicazione sono appartenuti per lungo tempo alla casa editrice Magic Press, mentre dopo il 2010 sono stati comprati dalla RW edizioni.

Come per la serie originale, alcune copertine – molto originali e amate dagli appassionati – saranno disegnate da Dave McKean. Le storie saranno invece disegnate da J. H. Williams III, che in passato si è occupato di vari supereroi della DC Comics e Marvel fra cui Batman, Wolverine e Lanterna verde.

Negli anni la serie ha creato un’enorme seguito di appassionati (oltre a numerosi spin-off): è apparsa più volte nella lista dei Best Seller del New York Times ed è stata definita dallo scrittore americano Norman Mailer «una serie a fumetti per intellettuali». Si è parlato spesso di un adattamento cinematografico della serie: la casa cinematografica Warner Bros., che fa parte dello stesso gruppo della DC Comics, dalla fine degli anni Novanta ha provato più volte ad occuparsene, ma senza molto successo. L’ultimo tentativo è stato fatto nel 2010, quando il progetto di adattamento da parte del creatore della serie tv Supernatural Eric Kripke è stato rifiutato da Gaiman.

(la copertina del primo numero di Sandman: overture)

Sandman

Di cosa parla
Le storie di Sandman si svolgono in un mondo al quale sovraintendono sette divinità, le quali rappresentano e regolano altrettanti aspetti della vita umana: il protagonista della serie è Sogno, mentre le altre sei sono Morte, Destino, Delirio, Distruzione, Desiderio e Disperazione. La particolarità della situazione è data dal fatto che le divinità esistono unicamente in funzione dell’esperienza di vita degli uomini: se cioè nel mondo di Sandman non esistesse alcun uomo disperato, spiega Gaiman, non esisterebbe la divinità stessa della Disperazione. Ogni storia racconta brevi rapporti fra le sette divinità e vari esseri umani, sempre diversi in ogni albo.

Nonostante a volte le storie siano ambientate in un mondo piuttosto realistico, non è raro che vengano rappresentate in contesti storici, mitologici o fantastici. In molti sottolineano come nel corso degli albi il dio protagonista, Sogno, compia una sorta di crescita psicologica, che lo porta a immedesimarsi sempre di più nelle vicende degli esseri umani coi quali viene a che fare.

Neil Gaiman
Gaiman è nato vicino a Portsmouth, in Inghilterra, nel 1960. È sposato con la cantante americana Amanda Palmer e si veste quasi sempre di nero. Da giovane lavorò come giornalista e scrittore di racconti di fantascienza. Negli anni Ottanta si trasferì negli Stati Uniti dove conobbe Karen Berger, una editrice della DC Comics, alla quale propose di tornare a pubblicare storie di un vecchio albo della DC intitolato Sandman, uscito in soli 6 numeri tra il 1974 e il 1976. La serie, creata dal celebre fumettista Jack Kirby, raccontava la storia di un supereroe che proteggeva i sogni dei bambini (ispirato a una leggenda popolare nei paesi anglosassoni). Berger suggerì a Gaiman di mantenere il titolo ma di reinventare la storia, e Gaiman accettò.

Dopo la fine di Sandman, Gaiman ha pubblicato numerosi romanzi e sceneggiature per fumetti: nel 2001 il suo romanzo fantasy American Gods ha vinto sia il premio Nebula che il premio Hugo, due riconoscimenti molto importanti per uno scrittore di fantascienza. Nel 2002 ha pubblicato il romanzo per ragazzi Coraline, da cui è stato tratto il film d’animazione Coraline e la porta magica. Nel 2011 e nel 2013 ha scritto inoltre la sceneggiatura per due episodi della serie televisiva inglese Doctor Who. Nel 2010 il New Yorker ha descritto Gaiman in un lungo articolo che è possibile leggere sul sito della rivista.

A proposito della ripresa delle pubblicazioni di Sandman, Gaiman ha detto: «immaginate che quando imparaste ad andare in bicicletta lo facevate solo voi, e che pian piano un po’ di gente abbia cominciato a dire “beh, mi piace proprio come quel tipo va in bici”. Bene, adesso esiste un mondo di 25 milioni di persone che stanno dicendo “Mio dio, quel tipo sta di nuovo andando in bici!”. In questo momento sono un po’ preoccupato di quanto sarà traballante la mia andatura».