• Mondo
  • lunedì 16 settembre 2013

Cosa succede in Colorado

Non ci sono ancora notizie di mille persone isolate dalle inondazioni, ma le ricerche sono difficili perché ha ripreso a piovere: le foto dall'alto

Nelle ultime ore, lunedì, ha ripreso a piovere nella zona delle Montagne Rocciose in Colorado, (negli Stati Uniti), colpita da una forte alluvione a partire dalla scorsa settimana: per il momento i morti accertati per le conseguenze della pioggia sono 5, e il numero dei dispersi è sceso questa notte a circa 1000, dopo che nella giornata di ieri era arrivato fino a 1254 (le autorità definiscono dispersi, “missing”, coloro di cui non ci sono notizie, la gran parte dei quali probabilmente isolati nelle loro abitazioni). Un portavoce della polizia della contea di Larimer, una delle più colpite, ha detto che i soccorsi sono riusciti a procurarsi 16 elicotteri da impiegare nelle operazioni di soccorso, ma che non possono essere al momento utilizzati per via delle forti piogge. Il Denver Post ieri sera riportava che fino a quel momento erano state danneggiate circa 17.400 case, mentre circa 1.500 sono state completamente distrutte.

Secondo alcune recenti stime continuerà a piovere per tutta la giornata di lunedì: la contea di Boulder ha consigliato ai residenti rimasti intrappolati nelle proprie case di segnalare la propria presenza agli elicotteri di soccorso utilizzando ogni tipo di fonte di luce, oppure con specchi e lastre di vetro. CNN riporta inoltre che 15 membri della Guardia Nazionale sono rimasti circondati dall’acqua vicino alla cittadina di Lyons, dopo che ieri sera avevano tentato di soccorrere alcuni abitanti del luogo.