• Mondo
  • lunedì 29 luglio 2013

Le elezioni in Mali

Si sono svolte ieri, dopo un anno di crisi politica, un colpo di stato militare e l'intervento dell'esercito francese

Domenica 28 luglio si sono svolte in Mali le prime elezioni presidenziali dopo la crisi politica cominciata nel gennaio del 2012 e il colpo di stato militare di marzo che ha portato alla deposizione del presidente Amadou Toumani Touré. Non c’è ancora nessun dato ufficiale sui risultati e nessuno dei 27 candidati  – tra cui una sola donna – ha rilasciato dichiarazioni. L’unica certezza è che il tasso di partecipazione è stato superiore rispetto alle precedenti elezioni e che durante la giornata non ci sono stati incidenti.

Secondo la stampa locale, sarebbe in netto vantaggio l’ex primo ministro Ibrahim Boubacar Keïta (69 anni) leader del partito Assemblea per il Mali e dato per favorito anche prima del voto. Il suo principale avversario è l’ex ministro dell’economia e delle finanze Soumaïla Cissé. Se il risultato non sarà netto, i due candidati che avranno ottenuto più voti andranno al ballottaggio l’11 agosto.

Il risultato del voto è atteso come la possibile soluzione alla crisi politica del paese iniziata nel gennaio del 2012. Nell’ultimo anno il Mali ha infatti attraversato un periodo molto turbolento: l’anno scorso la minoranza tuareg nel nord del paese è insorta contro il governo, c’è stato un colpo di stato militare e poi una seconda insurrezione guidata da diversi gruppi di estremisti islamici. L’intervento dell’esercito francese e di altri paesi africani ha riportato sotto il controllo del governo la gran parte del territorio conquistato dai ribelli.

Le elezioni presidenziali erano inoltre una delle condizioni per il ricevimento di centinaia di milioni di dollari in aiuti internazionali. Secondo alcuni, sono state però organizzate in modo frettoloso e prematuro. L’International crisis group, un’organizzazione indipendente non governativa impegnata nella soluzione dei conflitti, aveva chiesto di posticiparle, ma il presidente ad interim Dioncounda Traoré aveva dichiarato: «prima si forma un nuovo governo, e prima ci si può occupare della crisi del paese».

Alcuni mezzi di informazione maliani e alcuni candidati hanno denunciato irregolarità nella distribuzione dei certificati elettorali. Tra questi, Tiébilé Dramé, ex ministro degli esteri che ha ritirato la propria candidatura in segno di protesta: «In una nazione di 16 milioni di persone, l’elenco dei quasi sette milioni di elettori registrati si è basato su un censimento del 2009. Questo significa però che migliaia di persone che hanno raggiunto la maggiore età non erano presenti sul vecchio elenco e non hanno potuto votare. Sono stati privati dei loro diritti costituzionali».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.