• Mondo
  • martedì 18 Giugno 2013

La protesta silenziosa di piazza Taksim

Un uomo è rimasto per diverse ore fermo, in piedi e in silenzio, a Istanbul: in poco tempo è stato raggiunto da altri e la cosa si è diffusa anche altrove

Nel pomeriggio di lunedì 17 giugno si è diffusa una nuova forma di protesta tra i manifestanti in Turchia, che dal 31 maggio scorso stanno protestando contro l’autoritarismo e la progressiva islamizzazione della società turca portata avanti dal primo ministro Recep Tayyip Erdogan: la protesta è partita dal gesto di un solo uomo che è rimasto per diverse ore fermo, in piedi e in silenzio di fronte al Centro Culturale Ataturk in piazza Taksim, a Istanbul. L’uomo è stato poi identificato come Erdem Gündüz, ed è un coreografo e artista turco.

La protesta di Gündüz è iniziata alle 18 ora locale e si è diffusa molto rapidamente su Twitter grazie all’hashtag “duranadam” e “standing man”: alle 2 di notte circa 300 persone erano riunite a piazza Taksim e imitavano la protesta di Gündüz. Dieci persone, che si sono rifiutate di allontanarsi dopo l’intervento della polizia, sono state arrestate.

 

Andy Carvin, analista e social media editor della National Public Radio statunitense, ha raccolto su Twitter molte immagini e fotografie della “protesta silenziosa”, che con il passare delle ore si è diffusa in altri luoghi simbolici di Istanbul, in altre città della Turchia, con qualche episodio curioso anche a New York, Las Vegas, Stoccarda, stando alle foto.