• Cultura
  • Questo articolo ha più di nove anni

I due compleanni della Regina

Perché Elisabetta II domenica ha compiuto gli anni, ma la vera festa, con tanto di bandiera e parate, si celebrerà a giugno?

Oggi Elisabetta II, regina del Regno Unito di Gran Bretagna e dell’Irlanda del Nord, compie 87 anni: è nata il 21 aprile del 1926. Per commemorarlo saranno sparati 41 colpi di cannone a Hyde Park, mentre 61 colpi saranno sparati alla Torre di Londra. A parte questo e, forse, una festa privata con i suoi familiari, nel Regno Unito e nei paesi del Commonwealth non si terranno altre celebrazioni.

Tutta un’altra storia rispetto al secondo sabato di giugno – o il terzo, in caso di brutto tempo – quando si celebrerà il compleanno ufficiale della regina. Nello spiazzo della Horse Guard Parade, davanti al St. James Park e accanto a Downing Street, dove risiede il primo ministro britannico, si terrà la cerimonia del Trooping the Colour la sfilata della bandiera, chiamata anche Official Queen’s birthday parade (la parata del compleanno ufficiale della regina).

Durante la cerimonia, che si celebra ogni anno da più di 250 anni, la regina passa in rassegna la divisione delle Guardie – le truppe che tradizionalmente proteggevano la vita del sovrano. I soldati sfilano in alta uniforme – la classica giacca rossa con l’alto colbacco di pelo d’orso nero – scortando i “colori della regina”, cioè la bandiera esposta a Buckingham Palace. Ci sono parecchie marce e parecchi ordini gridati, le bande militari e le cornamuse suonano delle marce marziali mentre la bandiera viene fatta cerimoniosamente sfilare. Infine i soldati – che sono composti da reparti operativi che negli ultimi anni hanno spesso combattuto in Afghanistan, Iraq o nelle Falkland – accompagnano la bandiera e la regina a Buckingham Palace. Tutta la cerimonia è seguita da molti turisti e trasmessa in diretta dalla BBC.

La tradizione del doppio compleanno è diffusa in parecchie monarchie. In Olanda, ad esempio, si festeggia il Koninginnedag – il giorno della regina – il 30 aprile, mentre la regina Beatrice compie gli anni il 31 gennaio. In Lussemburgo la Célébration publique de l’anniversaire du souverain, che si festeggia il 23 giugno, non corrisponde al compleanno dell’attuale granduca.

Si tratta in quasi tutti i casi di una tradizione vecchia di almeno un secolo o più. Nel caso del Regno Unito, le prime tracce del compleanno ufficiale del re risalgono al 1748, quando venne stabilito che i granatieri della Guardia avrebbero dovuto sfilare con la bandiera il giorno in cui veniva «comandato di festeggiare il compleanno del re».

La necessità di decidere a tavolino un giorno in cui festeggiare il compleanno del re deriva dal brutto tempo che c’è nel nord dell’Europa per quasi metà dell’anno. Un re può nascere in un qualunque giorno dell’anno, ma non è molto spettacolare festeggiarlo durante una piovosa giornate di novembre, con le bandiere che pendono afflosciate dalle aste.

Nel Regno Unito il compleanno ufficiale può essere festeggiato il primo, il secondo o il terzo sabato di giugno, quando il tempo di solito è soleggiato, mentre i vari paesi del Commonwealth – una buona parte dei quali sono nell’emisfero australe, dove giugno è un mese invernale – possono scegliere il giorno che preferiscono per celebrare il compleanno regale.

Il compleanno della regina non va confuso con il Giubileo, che è la ricorrenza dell’incoronazione. Il Giubileo non si festeggia ogni anno, ma a scadenze precise: il Giubileo d’oro si festeggia dopo 50 anni dall’incoronazione, quello di diamante dopo 60. La prima regina a festeggiarli fu la regina Vittoria, con due sontuose cerimonie il 20 giugno del 1887 e del 1897 – regnò poi altri 4 anni. Elisabetta II venne formalmente incoronata il 2 giugno 1953, ma era già divenuta regina l’anno precedente alla morte del padre. I suoi Giubilei, quindi (compreso quello d’argento, festeggiato il 25° anniversario) sono stati celebrati nel giorno dell’incoronazione, cioè il 2 giugno, ma contando gli anni da quando divenne regina, nel 1952. Quindi nel 1977, 2002 e 2012, anno in cui celebrazioni furono particolarmente sontuose – e storiche.