• Mondo
  • lunedì 15 Aprile 2013

Le bombe a Boston

Due esplosioni sul traguardo della maratona: almeno 3 morti, decine di feriti – Le foto

A Boston, negli Stati Uniti, alle 14.45 ora locale di lunedì 15 aprile, due esplosioni – all’altezza più o meno della linea di arrivo della grande maratona cittadina – hanno ucciso almeno tre persone e ne hanno ferite 23, stando alle stime ufficiali. Il Boston Globe e gli ospedali riferiscono però ormai di 120 feriti, di cui sembra almeno 15 in condizioni molto gravi. Secondo CNN e Boston Globe una delle persone uccise è un bambino di otto anni.

C’è stato anche un incendio alla JFK Library, ma dopo varie voci e smentite la polizia ha detto di non considerarlo collegato alle esplosioni. Diverse testate e agenzie di stampa, tra cui il Boston Globe, hanno scritto che la polizia ha fatto brillare una terza bomba: il New York Times dice che le autorità hanno trovato altri tre ordigni inesplosi. La polizia non ha ancora nessuna persona in custodia. La zona delle esplosioni è stata evacuata e chiusa al transito.

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha parlato in serata e ha detto: «non abbiamo ancora risposte. Non sappiamo chi lo ha fatto e perché: ma sia chiaro, andremo fino in fondo, e scopriremo chi lo ha fatto e perché. Ogni persona o gruppo responsabile sentirà tutto il peso della giustizia». Continuano a circolare voci e notizie non confermate, da tutta la sera: prima sul numero delle esplosioni e sulla presenza di altre bombe in città, ora soprattutto sulle indagini della polizia.

Le foto da Boston sono qui, di seguito i video delle esplosioni. Nel primo – terribile – si vedono nitidamente la prima e la seconda esplosione. Di seguito, tutti gli aggiornamenti.

***

01.08 – Per la cronaca, negli Stati Uniti non esiste una definizione univoca di “terrorismo”. Nel codice dell’FBI se ne parla come dell'”uso illegale della forza e della violenza contro persone o proprietà per intimidire o coartare un governo, la popolazione civile, o una qualsiasi parte di essa, a sostegno di obiettivi politici o sociali”.

00.58 – Il Boston Globe ha una mappa che mostra bene il luogo delle due esplosioni.

00.52 – Il video della breve dichiarazione di Obama.

00.44 – Diverse testate internazionali citano le parole di un anonimo funzionario della Casa Bianca secondo cui le esplosioni sarebbero “chiaramente un atto di terrorismo”. Obama non ha usato la parola “terrorismo” nel suo discorso.

00.40 – Jaclyn Reiss del Boston Globe ha pubblicato su Twitter la foto di una tv messa in giardino da una famiglia di Boston e sintonizzata sui notiziari per permettere anche alle persone in giro di sapere cosa sta succedendo.

00.34Nuove foto da Boston, solito avviso: occhio, sono impressionanti.

00.19Il punto della situazione, per chi arriva adesso:

A Boston, negli Stati Uniti, alle 14.45 ora locale, due esplosioni – all’altezza più o meno della linea di arrivo della maratona – hanno ucciso almeno due persone e ne hanno ferite 23, stando alle stime ufficiali, anche se il Boston Globe e gli ospedali riferiscono ormai di oltre 100 feriti, di cui sembra almeno 15 in condizioni molto gravi. Secondo CNN una delle persone uccise è un bambino di otto anni. C’è stato anche un incendio alla JFK Library, ma dopo varie voci e smentite la polizia ha detto di non considerarlo collegato alle esplosioni. Diverse testate e agenzie di stampa, tra cui il Boston Globe, hanno scritto che la polizia ha neutralizzato una terza esplosione. La polizia non ha ancora nessuna persona in custodia. La zona delle esplosioni è stata evacuata e chiusa al transito. Le foto da Boston sono qui, di seguito i video delle esplosioni. Nel primo – terribile – si vedono nitidamente la prima e la seconda esplosione.

00.13 – Brevissima dichiarazione di Obama, il succo è questo: «Non abbiamo ancora risposte. Non sappiamo chi lo ha fatto e perché: ma sia chiaro, andremo fino in fondo, e scopriremo chi lo ha fatto e perché. Ogni persona o gruppo responsabile sentirà tutto il peso della giustizia». I canali all news americani fanno notare che Obama non ha parlato di “terrorismo” o “attacco terroristico”.

00.10 – La conferenza stampa di Barack Obama in diretta streaming qui.

00.03 – Due aggiornamenti dalla polizia: l’incendio alla JFK Library non sembra collegato alle esplosioni alla maratona; nessuna persona è in custodia in relazione a quanto accaduto.

23.54CNN ora parla di “terror attack”, attacco terroristico.

23.51 – La polizia ha fermato un furgone nella zona, tirato giù chi era a bordo e ammanettato (forse solo perché si trovava in una zona dove non si può più stare, e a giudicare dalle foto che arrivano da lì la situazione è piuttosto tranquilla). La polizia continua a dire di non avere nessuno in custodia.

23.49 – Le foto da Boston, man mano che arrivano.

23.47 – Obama parlerà a mezzanotte e dieci.

23.44 – Regole d’ingaggio: come sempre, in questi casi, circolano decine di voci non confermate sulle esplosioni: ci sono molte stime diverse su morti e feriti, fino a poco fa qualche testata parlava addirittura di un fermato – indicando le sue origini – e la voce è stata poi smentita dalla polizia: qui cerchiamo di mettere insieme e raccogliere solo le notizie ufficiali o che ci sembrino significativamente affidabili.

1 2 3 4 Pagina successiva »