• Sport
  • giovedì 21 Marzo 2013

15 foto di Pietro Mennea

Aveva 61 anni, era stato il più grande corridore italiano (e non solo)

È morto a Roma Pietro Mennea. Aveva 61 anni ed era il più grande corridore italiano, detentore del record europeo sui 200 metri piani: li corse in 19,72 alle Universiadi di Città del Messico del 1979, e tutt’ora nessun atleta bianco ha saputo fare meglio. Mennea era nato a Barletta nel 1952 ed era malato di tumore.

Durante la sua carriera vinse tre medaglie olimpiche (un oro a Mosca e due bronzi), due medaglie ai mondiali (un oro e un argento), sei medaglie agli europei (tre ori, due argenti e un bronzo), un oro agli europei indoor, cinque ori e due bronzi alle universiadi e cinque ori ai giochi del Mediterraneo. Mennea era laureato in Scienze Politiche, Giurisprudenza, Scienze dell’educazione motoria e Lettere: aveva studiato molto dopo aver lasciato lo sport e faceva l’avvocato, il docente universitario e il commercialista. Dal 1999 al 2004 era stato parlamentare europeo, prima con l’Italia dei Valori e poi con Forza Italia. Insieme a sua moglie ha fondato una ONLUS dedicata ad attività di beneficenza e solidarietà.