• Mondo
  • giovedì 7 Marzo 2013

Le nuove case di Phoenix

Foto aeree di quella che sembra la fine della crisi immobiliare: edifici in costruzione, cantieri e villette appena terminate

L’Arizona è stato uno degli stati americani più colpiti dalla bolla immobiliare del 2008, considerata da molti responsabile in prima istanza della recessione e della crisi economica statunitense. Fu un tipo di bolla speculativa: nel 2006 infatti i prezzi delle case raggiunsero il livello massimo a causa della crescente domanda e della facilità con cui le banche concedevano i mutui cosiddetti subprime, cioè ad alti tassi di interesse e destinati a persone con una situazione finanziaria non sicura o con un passato di debitori inaffidabili. La domanda di nuove case però ne fece salire i prezzi e molti debitori divennero insolventi provocando l’aumento dei tassi di interesse. Le banche furono costrette a ipotecare le case, molte delle quali rimasero invendute provocando il crollo dei prezzi immobiliari, aggravato anche dalle frequenti vendite di case sottocosto pur di intascare qualche soldo.

Negli ultimi tempi il settore edilizio è in ripresa in quasi tutti gli Stati Uniti. Secondo dati pubblicati martedì da CoreLogic, una delle principali società di monitoraggio del settore, a gennaio 2013 i prezzi delle case sono saliti del 9,7 per cento rispetto a gennaio 2012, e sono aumentati dello 0,7 per cento rispetto a dicembre: si tratta del più grande aumento avvenuto in un anno dall’aprile 2006, quando i prezzi delle case raggiunsero il punto più alto.

Tra il 2005 e il 2008 il prezzo delle case a Phoenix, in Arizona, scese del 55 per cento e molti progetti in costruzione vennero abbandonati. A gennaio 2013 però – secondo CoreLogic – Phoenix è la città in cui i prezzi delle case sono saliti di più in tutto il paese nel giro di un anno: fino al 22 per cento. La città sta attraversando una nuova fase di espansione edilizia e i costruttori stanno acquistando terreni per costruire nuove case il più rapidamente possibile. Justin Sullivan, fotografo di Getty Images, ha fotografato i numerosi appezzamenti in costruzione nel quartiere di Mesa, i quartieri di villette appena costruite, i lavori tuttora in corso, le piscine e i campi da tennis dei nuovissimi quartieri residenziali.