• Mondo
  • sabato 23 Febbraio 2013

L’interrogatorio del duca di Palma

Si chiama Inaki Urdangarin ed è il genero del re di Spagna, Juan Carlos: i magistrati lo accusano di frode, in un caso che coinvolge e imbarazza la famiglia reale

Oggi pomeriggio Inaki Urdangarin, duca di Palma, ex giocatore di pallamano e marito della figlia del re di Spagna, è stato interrogato dai magistrati di Palma di Maiorca. Urdangarin è sospettato di aver sottratto alcuni milioni di euro di fondi pubblici destinati a una fondazione benefica di cui era gestore. L’interrogatorio è avvenuto a porte chiuse, ma a quanto pare Urdangarin ha respinto ogni collegamento con della famiglia reale con la sua attività.

Urdangarin è nato nel 1968, suo padre faceva parte della piccola nobilità basca, mentre la madre è di origine belga. Dall’età di 18 anni è stato un giocatore professionista di pallamano con la squadra FC Barcelona e nella nazionale spagnola, con cui ha vinto due medaglie olimpiche di bronzo. Ai giochi olimpici di Atlanta del 1996, Urdangarin conobbe l’infanta Cristina, la terzogenita del Re Juan Carlos, con cui si sposò nel 1997. Grazie al matrimonio, Urdangarin divenne Duca di Palma o, per la precisione, Excelentísimo Senor Duque de Palma de Mallorca.

La notizia dell’interrogatorio è sulla homepage di tutti i principali giornali spagnoli. Numerosi manifestanti hanno protestato e mostrato striscioni all’ingresso di Urdangarin in tribunale. Nonostante le sue smentite, in molti ritengono che nell’affare sia coinvolta anche l’infanta Cristiana, cioè sua moglie. Alcune email, pubblicata negli scorsi giorni da alcuni quotidiani spagnoli, mostrerebbero che anche lo stesso Juan Carlos aveva mostrato un certo interessamento per gli affari compiuti dal genero.

Le accuse che hanno portato all’interrogatorio di oggi risalgano alla fine del 2011 e riguardavano la distrazione di fondi dall’istituto di beneficenza Nóos verso altre aziende di sua proprietà. Urdangarin è anche accusato di aver truffato diverse amministrazioni locali convincendole a pagare l’istituto Nóos per lavori mai eseguiti o comunque a un prezzo molto più alto di quelli effettivamente realizzati. Dal dicembre 2011, la casa reale di Spagna ha annunciato che Urdangarin non avrebbe più partecipato ad alcun evento ufficiale della famiglia. In seguito alle richieste dei nuovi interrogatori da parte dei magistrati, tra cui quello avvenuto oggi, il 26 gennaio la sua pagina è stata rimossa dal sito internet della famiglia reale spagnola.