• Mondo
  • giovedì 31 Gennaio 2013

Le foto del maltempo negli Stati Uniti

Case distrutte, auto ribaltate, molti danni e due morti dopo le tempeste e i tornado degli ultimi giorni nel Sud e nel Midwest

Martedì e mercoledì molti stati del Sud e del Midwest degli Stati Uniti sono stati colpiti da violente tempeste, forti venti e tornado. Il maltempo ha provocato numerosi danni: ha rovesciato automobili, distrutto alle fondamenta case e negozi, sradicato alberi e pali della corrente elettrica, lasciando così migliaia di persone senza corrente. I tornado finora registrati sono stati tredici: in Missouri, Oklahoma, Arkansas, Mississippi e Illinois martedì, in Indiana, Tennessee e Georgia mercoledì. I temporali sono continuati per tutta la notte di mercoledì.

I danni maggiori sono avvenuti in Georgia, in particolare nella città di Adairsville, a circa 90 chilometri dalla capitale dello stato Atlanta, dove si è abbattuto un tornado. Tra le macerie è stato ritrovato il corpo di un uomo di 51 anni, molti edifici – tra cui una fabbrica manifatturiera – sono stati distrutti e circa ottomila persone sono rimaste senza corrente. Le autorità hanno chiuso quindici chilometri dell’interstatale 75 a causa della presenza di detriti e macchine ribaltate. Nella vicina città di Bartow sono stati danneggiati numerosi edifici e più di 12 mila case sono rimaste senza corrente.

A Nashville, in Tennessee, una donna di 47 anni è morta per la caduta di un albero sul capannone in cui si trovava, mentre più di 3.700 case della città sono rimaste senza corrente. A Memphis, sempre in Tennessee, il blackout ha riguardato 13 mila persone, mentre il vento e la pioggia hanno distrutto numerosi pali della corrente elettrica. Molte case sono state danneggiate dai temporali anche a Sardis, in Mississippi, e a Solsberry e Indianapolis, in Indiana. In Arkansas le case rimaste senza corrente sono state 8.000, 7.000 in Missouri, e 12.000 in Indiana. Secondo i meteorologi le tempeste sono state provocate da diversi fattori: temperature più alte della media e aria umida proveniente dal Golfo del Messico soffiata da venti meridionali che si è scontrata con l’aria fredda proveniente dal Canada, spinta verso est da venti straordinariamente forti.