• Media
  • martedì 4 dicembre 2012

La legge sull'”equo compenso” è stata approvata

Tutela i giornalisti precari e freelance, spesso sottopagati, a patto che siano iscritti all'Ordine

La Camera ha approvato oggi la legge sull’equo compenso, volta a garantire una retribuzione dignitosa ai giornalisti iscritti all’Ordine che non hanno un contratto di lavoro subordinato o inquadrato nel contratto nazionale, cioè freelance e collaboratori autonomi. La proposta di legge è stata approvata all’unanimità, con 29 voti su 29, dalla Comissione cultura della Camera, e prevede l’istituzione entro trenta giorni di una Commissione con l’incarico di definire il compenso – proporzionato alla qualità e alla quantità del lavoro svolto – in modo coerente con il trattamento garantito ai giornalisti con un contratto subordinato.

La Commissione sarà presieduta dal Sottosegretario di stato alla Presidenza del Consiglio con delega all’informazione e all’editoria e comprenderà anche un rappresentante del ministero del Lavoro, del ministero dello Sviluppo economico, della FNSI (il sindacato dei giornalisti), delle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro, dell’Ordine dei giornalisti e dell’INPGI (l’Istituto di previdenza dei giornalisti). Avrà due mesi di tempo per definire i contributi minimi e dovrà anche stilare un elenco – e aggiornarlo nel tempo – dei quotidiani e periodici, anche online, delle agenzie di stampa e delle emittenti radiotelevisive che li rispettano. Dal gennaio 2013, le testate che non saranno iscritte nell’elenco per un periodo superiore a sei mesi non potranno ricevere il finanziamento pubblico all’editoria e altri eventuali benefici fino alla successiva iscrizione. La legge è stata proposta da Silvano Moffa – giornalista professionista, deputato della PdL e presidente della Commissione lavoro pubblico alla Camera – nel luglio del 2010.

La legge è nata per combattere le scarsissime retribuzioni offerte ai giornalisti che collaborano con le testate senza un contratto fisso. Secondo dati dell’INPGI la maggioranza dei freelance italiani guadagna meno di 10 mila euro lordi all’anno e molti non arrivano ai cinquemila euro. Errori di stampa, un blog gestito da giornalisti precari romani, ha realizzato un autocensimento e ha pubblicato un tariffario: alcune testate pagano anche solo dieci euro lordi per ogni articolo, mentre la media è di trenta euro lordi. La legge sull’equo compenso è stata accolta positivamente dai rappresentanti dei giornalisti precari, ma secondo i critici non tiene conto delle molte persone che collaborano con giornali e riviste pur non essendo iscritte all’Ordine dei giornalisti (e rischia di introdurre qualcosa di simile alle già molto contestate “tariffe minime” degli ordini professionali).

Foto: Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.