• Mondo
  • mercoledì 21 novembre 2012

I Paesi Bassi non vieteranno agli stranieri il consumo di cannabis

Il governo olandese ha rinunciato alla legge introdotta all'inizio dell'anno, che permetteva la vendita di droghe leggere solo ai residenti

Il governo olandese ha rinunciato a una legge che aveva introdotto all’inizio dell’anno e che impediva la vendita di cannabis e di altre droghe leggere ai turisti stranieri. La legge era entrata in vigore in tre province del sud del paese (Zelanda, Brabant Nord e Limbourg) ed era stata prevista una sua estensione a tutte le altre province dei Paesi Bassi entro fine anno. Il ministro della giustizia, Ivo Opstelten, ha comunicato al Parlamento lunedì che il provvedimento sarà modificato e che spetterà a ogni amministrazione locale la decisione se mantenere, o meno, il libero accesso alle droghe leggere offerte dai “coffee shop” nei loro territori.

La soluzione consentirà, per esempio, ad Amsterdam di non perdere i milioni di turisti che ogni anno la raggiungono per utilizzare le droghe leggere, il cui consumo è legalizzato. Le città di confine, invece, potranno decidere di proibire l’accesso ai “coffee shop” e l’utilizzo delle droghe leggere ai turisti, sperando così di ridurre la criminalità. Le cittadine che confinano con Belgio, Francia e Germania si lamentano spesso per l’alta affluenza di turisti, che compiono viaggi in giornata per andare a consumare legalmente cannabis e altre droghe nei Paesi Bassi. La legge inizialmente era stata studiata per ridurre il fenomeno, ma aveva attirato molte critiche da parte delle amministrazioni delle città più grandi, compresa quella di Amsterdam.

I gestori dei “coffee shop” lungo le aree di confine non sono ugualmente soddisfatti. Molte amministrazioni manterranno il divieto, che comunque dai singoli turisti è facilmente aggirabile, considerato che i Paesi Bassi non sono poi così grandi ed è sufficiente guidare per qualche chilometro in più per trovare una città in cui sia possibile il consumo di droghe leggere.

Alcune città, come quella di Maastricht, che si trova a poca distanza dai confini con il Belgio e con la Germania, hanno adottato da tempo soluzioni per ridurre il fenomeno del turismo legato al consumo di droghe leggere. Da maggio del 2011 possono utilizzarle solamente i residenti, cosa che ha ridotto drasticamente il numero di stranieri nei “coffee shop”, che un tempo erano circa il 65 per cento della clientela.