• Mondo
  • domenica 18 novembre 2012

I funerali di Bal Thackeray in India

Era il fondatore del partito induista estremista Shiv Sena, e hanno partecipato più di un milione di persone

Centinaia di migliaia di sostenitori hanno riempito le piazze e le strade di Mumbai per assistere ai funerali di Bal Thackeray, leader induista del partito di estrema destra Shiv Sena. Thackeray e la sua retorica estremista erano stati spesso indicati come le cause delle ondate di violenza che in questi ultimi anni hanno colpito gli indiani di religione musulmana e gli immigrati. Circa 20 mila poliziotti sono stati schierati intorno alla casa di Thackeray e durante i funerali per prevenire violenze che in passato si erano scatenate durante i raduni dello Shiv Sena.

Thackeray è morto sabato all’età di 86 anni per complicazioni cardiorespiratorie. La sua carriera politica cominciò nel 1966, quando abbandonò la sua professione di vignettista per entrare in politica. Shiv Sena è scarsamente rappresentato nel parlamento nazionale indiano, ma è una forza politica importante nel parlamento del Maharashtra, lo stato di Mumbai. Proprio nella capitale dello stato il partito è da tempo una delle forze più importanti e ha guidato la città dal 1995 al 2000.

Lo Shiv Sena ha una certa influenza anche sull’industria cinematografica di Bollywood e molte star e registi erano presenti ai funerali di Thackeray. Tra le azioni più note di Thackeray e del suo partito ci fu nel 1992 la distruzione di una moschea del XVI secolo nel nord dell’India: pare che a istigare il gesto fosse stato proprio Thackeray, durante uno dei suoi comizi. Nei disordini che scoppiarono in seguito a Mumbai morirono circa mille persone. Alla guida del partito è succeduto a Thackeray il figlio Uddhav.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.