• Mondo
  • giovedì 11 ottobre 2012

Guida al dibattito Biden-Ryan

Come seguirlo, cosa tenere d'occhio e perché il confronto tra i vice potrebbe essere il più divertente di questa campagna elettorale

di Francesco Costa – @francescocosta

Questa sera il vicepresidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e il candidato alla vicepresidenza del partito repubblicano, Paul Ryan, si sfideranno in un confronto televisivo: il secondo dibattito politico di questa stagione elettorale, il primo e unico che vedrà coinvolti i candidati alla vicepresidenza.

Quando
Il dibattito si terrà in un auditorium del college di Danville, in Kentucky, e inizierà alle 21 ora locale, le 3 del mattino in Italia.

Come
Il format del dibattito sarà simile a quello usato da Barack Obama e Mitt Romney nel loro primo confronto. Durerà un’ora e mezza, sarà suddiviso in nove segmenti da dieci minuti ciascuno, ogni candidato avrà due minuti per rispondere alle domande del moderatore. Che sarà Martha Raddatz, 59 anni, capo dei corrispondenti esteri di ABC News. I candidati non saranno in piedi dietro un podio ma seduti ai due fianchi della stessa scrivania.

Come vederlo
Negli Stati Uniti il dibattito sarà trasmesso da tutti i principali network televisivi, in Italia chi ha il pacchetto news di Sky potrà vederlo su Fox News e CNN. SkyNews24 e RaiNews24 lo trasmetteranno in diretta con traduzione simultanea in italiano. Il dibattito si potrà vedere in streaming anche su Youtube, che per la prima volta in questa elezione trasmette tutti i dibattiti online.

Cosa
Il tema del dibattito è molto vasto e generico, e d’altra parte i vicepresidenti si confrontano una volta sola. Si parlerà sia di politica interna che di politica estera. La politica interna – e soprattutto quella economica – sono il terreno preferito di Paul Ryan, che ha ottenuto grande popolarità per via della sua proposta di budget approvata dalla Camera (ma non dal Senato) lo scorso anno. La politica estera è invece il tema preferito da Joe Biden, che ha presieduto la commissione esteri del Senato e che alla Casa Bianca si è occupato molto di Iraq e Afghanistan.

Perché guardarlo
Perché potrebbe essere il più divertente di tutta la serie di confronti televisivi, e perché è importante. Di norma nessuna delle due cose avviene con i dibattiti tra candidati alla vicepresidenza, tradizionalmente più prevedibili e ingessati – i vice prendono ordini precisi dalla campagna, mentre i candidati presidenti hanno l’ultima parola su tutto – e meno significativi, visto che in fin dei conti gli americani eleggono il presidente e non il suo vice. Stavolta però le cose sono un po’ diverse.

(Il dibattito Obama-Romney in 10 punti)

Questo dibattito può essere divertente perché sia Biden che Ryan sono due politici molto talentuosi. Joe Biden, per quanto spesso soggetto a svarioni e gaffe, è sempre andato molto bene nei dibattiti, format con cui si trova decisamente più a suo agio di Obama. Paul Ryan ha fatto un ottimo discorso alla convention repubblicana di Tampa ma non ha mai sostenuto un confronto televisivo di questa importanza e sembra avere due abitudini piuttosto delicate e pericolose, per un dibattito: quella di scendere molto nei dettagli tecnici delle proposte che spiega, e quella di spazientirsi quando qualcuno lo critica o lo contraddice.

La ragione, invece, per cui questo dibattito è importante ha a che fare col primo confronto tra Obama e Romney. Il candidato repubblicano, come noto, ha vinto nettamente, rilanciando la sua campagna finanziariamente e nei sondaggi d’opinione. Ryan dovrà cercare, come minimo, di fare bene, tenersi in scia e permettere allo staff e alla stampa di continuare a credere in una rimonta dei repubblicani. Biden sa che i suoi errori avrebbero conseguenze ben più gravi di quelli eventuali del suo avversario, mentre una sua buona serata potrebbe contribuire a fermare l’ascesa di Romney. Il sito della BBC ha un’ottima scheda con un po’ di informazioni fondamentali su entrambi i candidati.

9 storici dibattiti politici americani

foto: Chip Somodevilla/Getty Images