• Media
  • martedì 25 Settembre 2012

Huffington Post Italia, l’editoriale

È online la versione italiana del sito di news, aperta dall'articolo inaugurale del direttore Lucia Annunziata

Tre minuti dopo mezzanotte di martedì 25 settembre è andata pubblicamente online per la prima volta l’edizione italiana dello Huffington Post, grande sito di news americano che ha aperto negli scorsi anni diverse versioni internazionali. Ad aprire la colonna degli articoli c’è l’editoriale del direttore Lucia Annunziata (che era stato già pubblicato ieri su Repubblica).

Duecento persone (189 ,per la precisione, a questo momento) hanno accettato di tenere un blog per noi, l’Huffington Post Italia. Hanno accettato prima ancora di vederci all’opera, e di poter giudicare il lavoro che faremo. Un atto di incredibile fiducia. Risultato della condivisione di una idea: che è maturo il tempo per aprire uno spazio pubblico di confronto e scontro che includa la massima diversità – di opinioni politiche, di status sociale, di genere, di classe, di fede.
Questi duecento blogger (e intendiamo far crescere questo numero) sono uomini e donne di destra e di sinistra, religiosi e non, attivisti dei movimenti e intellettuali solitari, gente delle professioni, gente con orientamenti sessuali diversi, leaders politici e operai che tengono con le unghie e con i denti il loro posto nelle fabbriche, personaggi conosciutissimi e perfetti sconosciuti, giovani che faticano a tirare avanti, e giovani che studiano in prestigiose università all’estero. C’è anche una suora.
Nella totale diversità, c’è però un elemento comune, che è poi il criterio su cui noi stessi orientiamo le nostre scelte: ognuno di loro conta non per i suoi titoli, ma perché la sua voce si “ascolta”, ha una sua unicità, muove qualcosa. Questa lista è per noi già, in sé, una mappa della società in cui viviamo, le dinamiche oggi in corso. Tra vecchio e nuovo, fra idee e bisogni, fra quel che cade, quel che nasce e quel che si rivela solo illusione. Mappa aggiornata, e da aggiornare continuamente.

(continua a leggere su Huffington Post Italia)

– Luca Sofri: Cosa è lo Huffington Post, davvero
– Riccardo Luna: Una rivoluzione Annunziata