• Media
  • domenica 23 Settembre 2012

Un invito per Beppe Grillo

E per "i media, che raccolgono come pepite le scoregge", da parte di Michele Serra

Mettendoci qualche buona battuta, Michele Serra segnala però oggi seriamente che nella trasmissione dei messaggi di Beppe Grillo e nella loro fedele rappresentazione c’è qualcosa che non va: e invita sia Grillo che i media a fare uno sforzo per uscire da un circolo vizioso ormai prevedibile.

Giornali di carta e online pubblicano (anche ieri) immagini di Beppe Grillo perennemente stravolto e urlante. Lo fanno con sicura malizia (Grillo stravolto e urlante conferma l’idea che le Cinque Stelle siano un coacervo di stravolti e di urlanti), ma favoriti, anche, da una circostanza innegabile: che Grillo, effettivamente, è spesso stravolto e urlante, e anche volendo non è facile trovare sue immagini che escano decisamente da quel cliché. Capita, anzi, che per accusare i media che lo dipingono sempre stravolto e urlante, Grillo diventi stravolto e urlante. È il classico avvitamento.

(continua a leggere sulla rassegna stampa del blog Triskel182)

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali