• Media
  • lunedì 10 settembre 2012

Come sarà lo Huffington Post italiano

Venerdì 7 settembre, Lucia Annunziata ha partecipato con Andrea Vianello a un incontro organizzato dal Premio giornalistico televisivo Ilaria Alpi. Nel corso del suo intervento, Annunziata ha dato qualche informazione sulla versione italiana dello Huffington Post, di cui sarà direttore e che sarà online a partire dal prossimo 25 settembre. La versione italiana nasce dalla collaborazione di America OnLine (AOL), la proprietaria della testata, con il gruppo editoriale L’Espresso.

Lo Huffington Post italiano, ha spiegato Annunziata, avrà 14 persone in redazione cui si aggiungeranno una ventina di collaboratori stabili. Il vicedirettore sarà il giornalista Gianni Del Vecchio. La testata potrà contare anche su circa 200 blog, affidati a persone note e meno note. Annunziata ha anche spiegato che il suo giornale non farà “il softporn” e che se “su Internet vogliono sesso, non lo trovano da noi”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.