• Cultura
  • mercoledì 29 agosto 2012

Le foto del primo giorno di Venezia

Nel senso della Mostra del Cinema: Kasia Smutniak, Kate Hudson, Naomi Watts, Violante Placido e le altre foto dei primi arrivati al Lido

È cominciata oggi la 69esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Rispetto alle scorse edizioni il programma è stato snellito. Da quest’anno, infatti, ci saranno soltanto tre sezioni: quella ufficiale dei film “In Concorso”, la sezione “Orizzonti” e la sezione “Opera prima”. Restano le sezioni autonome e parallele della “Settimana Internazionale della Critica” e le “Giornate degli Autori”, oltre ovviamente a quella dei film fuori concorso.

L’edizione di quest’anno è diretta dal critico cinematografico Alberto Barbera, mentre è stata Kasia Smutniak a presentare la cerimonia di inaugurazione. La giuria della sezione ufficiale è diretta dal regista Michael Mann, e tra i giurati ci sono Marina Abramovic, Laetitia Casta e Matteo Garrone.

Il film che è stato proiettato stasera nella Sala Grande del Palazzo del Cinema dopo l’apertura ufficiale è The Reluctant Fundamentalist, diretto dalla regista Mira Nair, (che aveva vinto il Leone d’oro nel 2001 con Monsoon Wedding), con Kate Hudson, Kiefer Sutherland e Liev Schreiber: tratto dal romando di Mohsin Hamid. A seguire, sempre fuori concorso sarà proiettato Enzo Avitabile Music Life, il documentario sul musicista Enzo Avitabile di Jonathan Demme.

La parte del Leone: l’infografica di IL in collaborazione col Post sulla storia della Mostra

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.