• Sport
  • mercoledì 25 luglio 2012

I cinque cerchi

Le foto e la storia del simbolo più famoso e rappresentativo delle Olimpiadi: chi li ha inventati, cosa rappresentano e perché sono colorati

I cinque cerchi che si trovano sulla bandiera olimpica sono certamente il simbolo più famoso e rappresentativo delle Olimpiadi. Ogni cerchio corrisponde a un continente e ha un diverso colore (blu, giallo, nero, verde e rosso), ma a differenza di quel che si crede i singoli colori non corrispondono a uno specifico continente. Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha infatti dichiarato che tale associazione non è ufficiale.

Fu Pierre De Coubertin a scegliere i cerchi, i loro cinque colori e anche il bianco come sfondo della bandiera. A quel tempo, infatti, almeno uno di quei colori era contenuto nella bandiera di ogni nazione rappresentata ai Giochi delle prime cinque Olimpiadi: Atene 1896, Parigi 1900, Saint Louis 1904, Londra 1908, Stoccolma 1912.

Scriveva Pierre De Coubertin:

I sei colori così combinati riproducono quelli di tutte le nazioni, senza eccezione. Il blu e il giallo della Svezia, il bianco e il blu della Grecia, il tricolore francese, inglese, tedesco, belga, italiano, ungherese, il giallo e il rosso della Spagna accanto al Brasile, l’Australia, il vecchio Giappone e la nuova Cina. Ecco davvero un simbolo internazionale.

Il 16 giugno del 1894 il barone Pierre De Coubertin intervenne a Parigi al congresso delle società sportive francesi. Gli scavi archeologici avevano appena riscoperto in Grecia lo stadio dove, nel 776 a.C. si svolse la prima edizione delle Olimpiadi. Il 23 giugno De Coubertin ottenne il voto favorevole di 39 delegati che scelsero data e sede dei primi Giochi moderni: Atene nel 1896. A Parigi venne fondato il Comitato olimpico internazionale (CIO) e si stabilì che, a partire dal 1896, le Olimpiadi si sarebbero svolte ogni quattro anni.

Il disegno dei cinque cerchi colorati e intrecciati (per rappresentare la fratellanza tra i continenti) apparve nel 1913 per la prima volta su una lettera scritta da De Coubertin, ma fu presentato ufficialmente solo un anno dopo, all’esposizione organizzata al Congresso Olimpico di Parigi per celebrare il ventesimo anniversario della rinascita dei Giochi. Le Olimpiadi del 1916 furono cancellate a causa dell’inizio della Prima guerra mondiale e quindi fu solo ad Anversa nel 1920 che venne utilizzata la bandiera con i cinque cerchi. Il simbolo comparve per la prima volta sulle medaglie delle Olimpiadi nel 1924, a Parigi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.