Chi fuma più cannabis?

Finalmente una classifica internazionale in cui l'Italia si difende bene, secondo i dati delle Nazioni Unite

La cannabis continua a essere una delle sostanze stupefacenti più utilizzate al mondo, almeno stando all’ultimo World Drug Report delle Nazioni Unite, pubblicato periodicamente per fare il punto sull’utilizzo di droghe e sullo spaccio [pdf]. Il posto dove si consuma più cannabis è Palau, uno Stato insulare nell’Oceano Pacifico a circa 500 chilometri a est delle Filippine, con il 25 per cento della popolazione tra i 15 e i 64 anni di età che ha fumato la sostanza almeno una volta nel 2010. Tra i paesi dove il consumo di cannabis è particolarmente alto c’è anche l’Italia, dove si stima che il 14,6 per cento della popolazione (sempre tra i 15 e i 64 anni) abbia utilizzato la sostanza. Negli Stati Uniti il dato è del 14,1 per cento.

Complessivamente il consumo di cannabis è stabile in buona parte del mondo, mentre sta aumentando in alcune zone dell’Africa e dell’Asia. Gli esperti delle Nazioni Unite spiegano che il dato più difficile da rilevare è l’effettiva produzione della sostanza su scala globale. Ci sono comunque alcuni indicatori: in Afghanistan, per esempio, nel 2010 le coltivazioni di cannabis si sono rivelate redditizie il doppio rispetto a quelle per l’oppio. L’Economist ha messo insieme una mappa per mostrare i luoghi del mondo dove si consuma più cannabis. Più sono scuri i colori, più il consumo è alto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.