Il nuovo iPad

È stato presentato pochi minuti fa a San Francisco da Tim Cook di Apple, in Italia arriva il 23 marzo

Durante un annunciato evento-presentazione a San Francisco, il CEO di Apple Tim Cook ha appena mostrato per la prima volta in pubblico il nuovo iPad (che a quanto pare non si chiamerà “iPad HD”, come era stato anticipato dalle voci dei giorni scorsi), con grande enfasi ed eccitazione. Dopo aver illustrato le novità tecniche del tablet, i responsabili di Apple hanno ceduto la scena ai produttori di giochi dedicati, per poi tornare sulleApp di Apple: GarageBand e iMovie, aggiornati, e iPhoto. In Italia il nuovo iPad sarà disponibile dal 23 marzo.

(Che cosa c’è nel nuovo iPad)

Tra le novità principali del nuovo iPad c’è uno schermo di di 2048×1536 pixel (il modello attuale è di 1024×768), che garantisce una risoluzione simile a quella del “retina display” dell’iPhone 4S e maggiore di quella dei televisori HD, come è stato sottolineato durante la presentazione. Altre novità sono il microprocessore del dispositivo, l’A5X, più potente dell’A5 del precedente modello, una videocamera sul retro da 5 megapixel che utilizza la tecnologia sviluppata per l’iPhone 4S, e il supporto per la rete dati 4G LTE. Sul piano del software, sono state introdotte sei lingue in cui sarà disponibile l’assistente vocale Siri e la capacità di riconoscimento vocale che permette di dettare (ma l’italiano non è tra le lingue supportate). Non è stato eliminato l’unico pulsante sul dispositivo, il pulsante “Home”, al contrario di quanto dicevano alcune anticipazioni dei giorni scorsi.
Il nuovo iPad sarà messo in vendita il prossimo 16 marzo negli Stati Uniti e il 23 marzo in gran parte dei paesi europei (tra cui l’Italia, appunto) in Messico, Australia e Nuova Zelanda.
Sono state presentate anche alcune novità che riguardano AppleTV e iCloud, che supporterà anche i film, oltre alla musica e ai programmi televisivi.

Qui, il video dell’intera presentazione.

(foto: Engadget)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.