• Mondo
  • giovedì 23 Febbraio 2012

Il video della giornalista francese che chiede aiuto in Siria

Edith Bouvier è rimasta ferita in un bombardamento, ha una gamba rotta e deve essere operata: chiede di potersi spostare in Libano in sicurezza

Edith Bouvier è una giornalista francese che in questo momento si trova a Homs, in Siria, la città oggetto da mesi di intensi bombardamenti e violenze da parte del regime di Assad. Bouvier ieri si trovava nello stesso edificio di Marie Colvin e Remi Ochlik: l’attacco che ha ucciso questi ultimi l’ha ferita gravemente a una gamba, fratturandole il femore. Bouvier appare in un video diffuso online questo pomeriggio dagli attivisti anti-Assad. Nel video Bouvier descrive la sua situazione e dice che ha bisogno di essere operata il prima possibile, cosa che i medici del posto non sono in grado di fare.

Bouvier chiede quindi di poter usufruire di un trasferimento sicuro in Libano, dove potrebbe essere operata, appellandosi alla Francia e alla comunità internazionale perché intercedano presso il regime siriano. Da settimane le organizzazioni umanitarie chiedono di poter usufruire almeno di momentanei cessate il fuoco per poter curare i molti feriti di questi giorni di guerra. Diverse testimonianze, sia di attivisti locali che di giornalisti stranieri, riferiscono invece di come i soldati del regime prendano particolarmente di mira gli operatori umanitari, i medici, i giornalisti e i civili, così da convincerli a desistere dai loro sforzi.

Nel video, accanto a Bouvier appare il giornalista francese William Daniels, che racconta di essere stato anche lui sul posto dell’attacco e di essere illeso, prima di confermare che il morale di Bouvier è buono nonostante le sue condizioni di salute. Daniel racconta che nel posto in cui si trovano non c’è energia elettrica né cibo a sufficienza.