I Grammy in 6 video

Che cosa è successo alla premiazione di ieri sera, tra signori di una certa età, tributi a Whitney Houston e tanta Adele

I Grammy della notte scorsa sono stati condizionati dagli effetti della notizia della morte di Whitney Houston, che ha comportato numerose modifiche alla scaletta dello spettacolo. «Abbiamo avuto una perdita nella nostra famiglia» ha detto LL Cool J, il rapper che ha condotto la serata, introducendo un ricordo della cantante. Jennifer Hudson ha poi cantato I Will Always Love You, una delle canzoni più celebri di Whitney Houston.

Adele ha vinto tutti e sei i premi per cui era nominata: Miglior Disco dell’Anno (Rolling In The Deep), Miglior Album (21), Migliore Canzone (Rolling in the Deep), Miglior Performance Pop (Someone Like You), Miglior Album Pop (21), Miglior Video.

Bruce Springsteen, con la E Street Band, ha presentato il nuovo singolo We Take Care Of Our Own. Paul McCartney si è esibito due volte: la prima con il suo nuovo singolo My Valentine e poi chiudendo la serata con Golden Slumbers, Carry That Weight e The End. C’è stata anche la reunion dei Beach Boys.

Paul McCartney

Adele, che ha vinto tutto

Bruno Mars

Bruce Springsteen, il nuovo singolo “We Take Care of our Own”

Jennifer Hudson, I Will Always Love You (tributo a Whitney Huston)

Beach Boys, la reunion

foto: AP Photo/Matt Sayles

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.