• Mondo
  • sabato 11 Febbraio 2012

Gli arresti al tabloid Sun

Si tratta di cinque importanti giornalisti del giornale, tra cui il vicedirettore, nell'inchiesta sui pagamenti illeciti a funzionari della polizia

Questa mattina, tra le sei e le otto, la polizia inglese ha arrestato otto persone nell’ambito di un’inchiesta collegata allo scandalo intercettazioni che lo scorso giugno ha coinvolto l’azienda News International della famiglia Murdoch. Tra questi ci sono cinque importanti giornalisti del Sun, tabloid della società editoriale News Corporation, di proprietà dell’australiano Rupert Murdoch: il vicedirettore Geoff Webster, il capo photo editor John Edwards, l’inviato John Kay, il capo corrispondente estero Nick Parker e il giornalista John Sturgis. Tutti sono accusati di aver corrotto poliziotti o dipendenti pubblici per accedere a informazioni riservate e pubblicare scoop. Oltre ai cinque giornalisti, sono stati arrestati anche un poliziotto 39enne del Surrey, un dipendente 39enne del Ministero della Difesa e un membro delle forze armate di 36 anni. Per loro le accuse sono di corruzione e abuso di ufficio. Tre degli otto arrestati sarebbero già stati rilasciati su cauzione.

Gli arresti fanno parte della cosiddetta “Operation Elveden”, ossia le indagini sul coinvolgimento di settori della polizia e delle istituzioni pubbliche inglesi nel caso News International. L’inchiesta Operation Elveden è stata aperta la scorsa estate e si occupa dei pagamenti illeciti alla polizia da parte di dipendenti di News International per ottenere, in cambio, favori e informazioni riservate.

Si tratta di un duro colpo per il Sun, a sole due settimane da altri arresti che avevano coinvolto il tabloid britannico. In quella circostanza, oltre a un altro poliziotto di 29 anni, erano stati arrestati altri quattro giornalisti del Sun, tra ex e attuali dipendenti: tra questi, il caporedattore della cronaca Mike Sullivan, il direttore editoriale Graham Dudman e un altro caporedattore, Chris Pharo. Prima di questi arresti avvenuti il 28 gennaio, nell’ambito dell’Operation Elveden erano state arrestate altre 9 persone, tra cui anche un altro giornalista del Sun, Jamie Pyatt.

Dopo gli ultimi arresti, sono circolate voci di una possibile chiusura del Sun, come già capitato a un altro tabloid di Murdoch, il News of the World, che chiuse il 10 luglio 2011 dopo 168 anni di pubblicazioni. La News Corporation, i cui profitti nonostante gli ultimi scandali sono aumentati del 65 per cento nell’ultimo trimestre, ha subito smentito questa eventualità, e lunedì Murdoch dovrebbe volare in Inghilterra per “rassicurare” la redazione del Sun.

Operation Elveden è un’inchiesta connessa a quella sulle intercettazioni illegali della News International, la divisione editoriale del gruppo News Corporation di Rupert Murdoch e del figlio James. News International è finita al centro dello scandalo dalla scorsa estate per diverse pratiche illegittime dei suoi giornalisti (come le intercettazioni illegali a vip ma anche a persone comuni) di cui, secondo l’accusa, i vertici della società erano a conoscenza e non avrebbero fatto nulla per fermarle. Tra gli indagati ci sono l’ex responsabile di News International, Rebekah Brooks, e Andy Coulson, l’ex spin doctor del premier David Cameron. Proprio Cameron ha recentemente aperto un’inchiesta pubblica per verificare l’etica e i comportamenti di tutta la stampa britannica, la cosiddetta “Inchiesta Leveson”.

foto: AP/Sang Tan

Tutti gli articoli del Post sul caso dei tabloid inglesi