• Italia
  • sabato 4 Febbraio 2012

L’inverno, ultime notizie

La situazione dalla Valle d'Aosta alla Campania tra grande freddo, blocchi dei trasporti e interventi dell'Esercito

Il brutto tempo e le nevicate che da una settimana interessano l’Italia hanno causato numerosi problemi in tutto il paese. Le temperature sono molto basse nel Nord Italia, mentre i problemi maggiori oggi sono nel centro del paese (in particolare Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo) dove ci sono state intense nevicate. Lungo la strade molti mezzi sono rimasti bloccati, a volte per ore o per tutta la notte, a causa della neve, che Autostrade per l’Italia segnala presente in gran parte della propria rete, dal nordest alla Campania.

I treni (che circolano secondo il “Piano neve”, che prevede una riduzione di un centinaio di treni a media e lunga percorrenza) subiscono molti ritardi o vengono cancellati. Un giornalista della Stampa, Niccolò Zancan, si è messo in viaggio in auto da Torino a Roma e sta tenendo un liveblog della sua esperienza. Sono stati rinviati eventi e manifestazioni sportive. Sei prefetture di tutta Italia – Bologna, Venezia, Siena, Frosinone, L’Aquila e Roma – hanno chiesto l’intervento di uomini e mezzi dell’Esercito. Almeno quattro persone sono morte tra ieri e oggi per cause riconducibili al freddo.

Nord Italia
Le temperature rimangono gelide su tutta l’Italia settentrionale, dove le minime si aggirano intorno ai -20 gradi nelle zone alpine della Valle d’Aosta e nelle aree interne della Liguria.

Emilia-Romagna e Marche
A Bologna le scuole e l’università resteranno chiuse oggi e lunedì, a causa della neve, che è ricominciata a cadere nella zona questa mattina. L’aeroporto della città ha ripreso a funzionare regolarmente. Nelle Marche, il presidente della provincia di Pesaro-Urbino, Matteo Ricci, ha chiesto oggi lo stato di emergenza e calamità naturale. A Urbino le scuole rimarranno chiuse fino a martedì.

Toscana
Ci sono rallentamenti e blocchi dei treni tra Firenze e Bologna. I problemi maggiori sono nella zona sudorientale della Toscana, dove però sono state ripristinate quasi tutte le utenze nel senese, dopo che negli ultimi due giorni diverse centinaia di persone erano rimaste senza corrente. Per riallacciare la luce, ENEL ha avuto il sostegno tecnico di due elicotteri e del 186esimo reggimento paracadutisti dell’Esercito.

Roma
A Roma, a causa della neve, sono stati chiusi tutti gli uffici pubblici, le scuole, i musei e anche i cimiteri. Fino alle 12 di domani possono circolare solo i veicoli con pneumatici da neve o con catene a bordo. La Protezione Civile di Roma ha dichiarato lo stato di allarme, mentre il sindaco Alemanno ha detto al Tg1 che sono al lavoro nella città un migliaio di persone della Protezione civile e altri 900 tra volontari e vigili. In quattro piazze della città (San Giovanni, piazzale della Radio, piazza Bologna e piazzale Clodio) la Protezione civile di Roma ha consegnato circa duemila pale ai cittadini per aiutare a spalare la neve.

La situazione dei trasporti intorno alla capitale è molto difficile. Tre quarti degli autobus non circolano, i tram sono quasi tutti fermi, le linee della metro funzionano, ma alcuni ingressi delle stazioni sono chiusi a causa del ghiaccio. Nella stazione ferroviaria di Roma Termini molti binari non sono attivi e ci sono numerosi ritardi nelle partenze e negli arrivi. Ieri notte un treno Intercity partito da Roma è rimasto fermo per ore a Tivoli, in provincia della capitale. I passeggeri sono stati soccorsi solo intorno alle 2 di notte. Un treno regionale Roma-Cassino si è fermato a Frosinone, mentre i passeggeri di un treno Roma-Viterbo, che si è fermato ieri a Cesano, ora si trovano in una caserma della cittadina. Alla stazione Tiburtina della capitale, dove si fermano i treni dell’Alta velocità al posto di fermare a Roma Termini, molti passeggeri restano bloccati per ore. All’aeroporto di Roma Fiumicino Alitalia ha cancellato una quarantina di voli.

Abruzzo e Molise
Alcuni paesi della provincia dell’Aquila sono isolati a causa della neve. Tra Abruzzo e Molise decine di automobilisti sono rimasti bloccati, mentre diversi autotrasportatori hanno trascorso la notte nel loro mezzo, impossibilitati a procedere a causa della neve. L’aeroporto di Pescara, che era stato chiuso ieri per la neve, ha riaperto questa mattina, ma con ritardi e soppressioni di voli. Nella città di Pescara le scuole rimarranno chiuse anche lunedì e martedì. Sono completamente chiuse, caso unico nella rete autostradale nazionale, le autostrade A24 L’Aquila-Teramo e l’A25 Roma-Pescara, dato che nella regione abruzzese è caduto fino a un metro e mezzo di neve. In Molise sono state sospese tutte le comunicazioni ferroviarie fino alla mezzanotte di domani.

Campania
Dalle dieci di ieri sera si è interrotta la corrente elettrica in quattro comuni della provincia di Avellino, in una zona in cui vivono circa diecimila persone. I tecnici dell’ENEL hanno difficoltà a ripristinare la corrente anche perché alcune strade della zona sono bloccate ed è difficile raggiungere le zone interessate.