• Mondo
  • venerdì 3 Febbraio 2012

Un mese di scarpe

Quelle regalate a Sarkozy e quelle indossate da Djokovic per vincere gli Australian Open; quelle perse dal ministro britannico Theresa May e quelle abbandonate sui cavi elettrici a San Paolo

La Giornata della memoria, il presidente francese Nicolas Sarkozy e quello tedesco Christian Wulff, le proteste per i diritti degli immigrati e quelle contro la tv di stato egiziana, i fili elettrici di San Paolo e le macerie del terremoto ad Haiti, Rafael Nadal e San Valentino: nell’ultimo mese molti eventi e notizie accaduti nel mondo hanno avuto per testimoni, o protagoniste, delle scarpe. Enormi, perse, regalate, vendute o mostrate come insulto.