• Mondo
  • venerdì 20 Gennaio 2012

La Francia sospende l’addestramento dei soldati afghani

Dopo che uno di questi stamattina ha ucciso quattro soldati francesi e ne ha feriti sedici

Quattro soldati francesi sono stati uccisi nel nord dell’Afghanistan da un soldato dell’esercito nazionale afghano. Altri 16 soldati francesi sono rimasti feriti. Il soldato afghano è stato arrestato dai francesi. Il presidente Nicolas Sarkozy ha deciso quindi di sospendere il programma francese di addestramento dei soldati dell’esercito nazionale afghano, e secondo l’Agence France Presse sta valutando se anticipare il ritiro delle truppe francesi dall’Afghanistan. «Non posso accettare che soldati afghani sparino contro soldati francesi», ha detto Sarkozy, che ne discuterà durante la prossima visita in Francia del presidente Karzai. Il ministro della Difesa francese Gerard Longuet, intanto, è stato inviato in Afghanistan.

La NATO ha confermato la morte dei quattro soldati francesi e l’arresto del soldato afghano, senza dare ulteriori dettagli. Non è la prima volta che un soldato afghano apre il fuoco sui membri delle forze militari straniere: soltanto lo scorso 9 gennaio un soldato americano era stato ucciso da un soldato afghano, mentre il 29 dicembre del 2011 due soldati francesi erano stati uccisi da un soldato afghano. I soldati francesi sono presenti in Afghanistan fin dal 2001, in questo momento ce ne sono 3.600. Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha annunciato che 1.000 di questi torneranno a casa entro la fine del 2012. Il 2011 è stato l’anno peggiore per le forze militari francesi in Afghanistan: sono morti 26 soldati, cinque di questi in un attentato suicida lo scorso 13 luglio.

foto: TED ALJIBE/AFP/Getty Images