• Mondo
  • martedì 10 Gennaio 2012

Le foto dal Salone dell’auto 2012 di Detroit

Pick-up a trazione elettrica, auto americane con tecnologia italiana, piccole spider e smartphone al posto degli specchietti retrovisori

Il North American International Auto Show (Naias) è la più importante rassegna dedicata alle auto che si svolge annualmente in America, al Cobo Center di Detroit, storica sede di General Motors, Ford e Chrysler. Il Salone aprirà al pubblico dal 14 al 22 gennaio, ma oggi sono state presentate in anteprima mondiale a stampa e operatori più di 40 novità.

Se un tempo sul mercato americano i più attesi erano i pick-up, quest’anno molte automobili presentate sono “compatte” e corrispondono al segmento C-D (quello delle auto medie), che negli Stati Uniti occupa ormai circa il 30 per cento del mercato. Anche il modello di Fiat-Chrysler rientra in questa categoria: è la Dodge Dart, verrà costruita in America (a Belvidere nell’Illinois) con la stessa piattaforma della Giulietta Alfa Romeo. Sarà in vendita da giugno 2012, costerà circa 16mila dollari ed è stata costruita rispettando tutti i presupposti richiesti dall’Ecological Event, terzo e ultimo obiettivo previsto dalla legge americana.

Una delle novità più curiose è la Smart For-Us della Mercedes, un piccolo prototipo di pick-up a trazione elettrica, con una batteria agli ioni di litio e uno smartphone al posto dello specchietto retrovisore interno. Tra le riproposte, invece, quella della Toyota con la versione 2013 di uno dei suoi modelli più celebri, il suv Land Cruiser, nato in Giappone 60 anni fa.

Molte delle auto presentate oggi a Detroit arriveranno anche sul mercato europeo: la nuova Ford Fusion, modello da cui deriverà la nuova Mondeo, la Cadillac ATS, la Mercedes SL, la Porsche 911 Cabrio, la Bentley Continental GT V8 e la Mini Roadster, una piccola spider con la capote in tela. L’unico costruttore italiano presente al Salone di Detroit è la Maserati con il prototipo del Suv Kubang, già esposto a settembre a Francoforte.

Come da tradizione, al Salone è stata scelta da una giuria di 50 giornalisti specializzati di Stati Uniti e Canada l’auto dell’anno, in base ad una valutazione complessiva che va dall’estetica alle prestazioni. Per la ventiquattresima edizione la più votata è stata la Hyundai Elantra, una berlina media sudcoreana poco conosciuta in Europa.