Gli spettatori di videogiochi

La società di Justin.tv ha creato un sito dove si possono vedere in diretta migliaia di partite ai videogiochi, e funziona

Justin Kan è un ragazzo di San Francisco di 28 anni che ha fondato nel 2006 il sito Justin.tv, e che negli ultimi mesi ha inventato con la sua società un nuovo sito di condivisione di video online, Twitch.tv. Questa volta si tratta di videogiochi, e della possibilità di vedere in diretta le partite degli altri videogiocatori: cosa piuttosto insolita, visto che di solito coi videogiochi si preferisce giocare, piuttosto che guardarli. Oggi ne scrive sul suo blog Cristiano Valli, giornalista di Radio Popolare.

Al momento del lancio, Justin.tv era formato da un canale video che trasmetteva 24 ore su 24, 7 giorni su 7 la vita di Justin, attraverso una piccola telecamera che il ragazzo teneva sempre sulla testa. Oggi il sito permette a chiunque di iscriversi e di mettere su internet il proprio “canale”, formato, nelle intenzioni dei fondatori, da video di contenuti generati o ritrasmessi dagli utenti. Justin.tv ha oggi circa 30 milioni di utenti al mese e Kan lavora con un gruppo di 45 persone.

Tra le diverse tipologie di utenti di Justin.tv, i gestori del sito ne notarono una in particolare: quella degli utenti che trasmettevano le partite ai loro videogiochi, raccogliendo un piccolo ma costante gruppo di spettatori. Gli sviluppatori cominciarono a lavorare per migliorare il sito per i videogiocatori, e riscontrarono subito un grande successo.

A giugno, la società di Kan ha lanciato Twitch.tv, un sito a parte pensato appositamente per trasmettere in tempo reale le partite dei videogiocatori e permettere l’interazione tra gli utenti. Twitch in inglese significa “tic nervoso”, “contrazione”, “strattone”, e i twitch game sono i videogiochi dove si richiede al giocatore velocità e prontezza di riflessi. Nell’arco di due mesi il sito ha avuto 8 milioni di visitatori unici ed è tuttora in crescita continua, con un aumento medio dei visitatori intorno al 10 per cento al mese. La società che gestisce il sito ha anche stretto accordi con un migliaio di videogiocatori particolarmente noti e con società del settore, invitandoli sul sito in cambio di una parte dei guadagni pubblicitari che si ottengono dalle pubblicità prima e durante le partite. Un esperto del settore, commentatore di videogiochi e a sua volta “trasmettitore”, Marcus “djWHEAT” Graham, ha detto al San Francisco Chronicle che i guadagni per i giocatori più seguiti possono arrivare tra i 5.000 e gli 8.000 dollari al mese.

Sul sito le “trasmissioni” sono divise per videogioco (al momento sono circa 140), e in ciascuna sezione l’utente può scegliere tra diverse partite che vengono giocate in diretta. In alcuni casi il videogiocatore inserisce in un piccolo riquadro a destra anche lo streaming video di sé stesso intento a giocare. Oltre alle proprie partite in diretta, ciascun utente può inserire nella pagina altre informazioni su di sé o link a propri siti personali. A destra dello schermo è presente una chat per commentare in diretta le partite.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.