Etta James sta morendo

La leucemia della leggenda del Rhythm and Blues è stata dichiarata in fase terminale

Etta James, straordinaria e leggendaria cantante del rhythm and blues da molti anni in complicate situazioni di salute, è malata di una leucemia diagnosticata un anno fa e nei giorni scorsi è stata dichiarata allo stadio terminale. James sta per compiere 74 anni e nella sua carriera di cantante ha inciso trenta album, cinquantotto singoli e ha ricevuto moltissimi e importanti riconoscimenti. «Siamo molto tristi, stiamo solo aspettando», ha detto il suo manager, mentre il suo medico che ha annunciato la situazione ha chiesto di “pregare per lei”.

Etta James, che si chiama Jamesetta Hawkins, è nata il 25 gennaio 1938 a Los Angeles da una madre afro-americana di 14 anni e un padre mai identificato, per quanto lei abbia successivamente sostenuto trattarsi di un famoso giocatore di biliardo. A cinque anni già cantava musica gospel nel coro della sua chiesa battista ma ebbe un’infanzia di accudimenti da parte di estranei, traumi e violenze. Nel 1950 si trasferì a San Francisco e sotto la guida di James Earle Hines, grande pianista jazz, con altre due ragazze formò un gruppo che ottenne un’audizione con Johnny Otis. Contro la volontà della madre, a soli quattordici anni iniziò la propria carriera registrando negli studi di Modern Records “Roll With Me Henry” con Richard Berry e la band di Otis. Fu proprio lui che volle trovare un nuovo nome per Etta (ottenuto dalla separazione e inversione del suo nome di battesimo) e a soprannominare il gruppo di cui faceva parte “Peaches”. “Roll With Me Henry,” ribattezzato “The Wallflower”, arrivò in testa alle classifiche della musica R&B nel 1955.

Il trio di Etta James si sciolse e lei proseguì da sola incidendo tra gli anni Cinquanta e Sessanta (anni in cui fu dipendente da eroina) i suoi maggiori successi: soprattutto il singolo “At Last” del 1961 che uscì con l’etichetta Argo della Chess Records di Chicago, una delle più grandi case discografiche specializzate in musica blues raccontata anche nel film “Cadillac Records”, in cui Etta James è interpretata da Beyoncé. Beyoncé, invitata alla cerimonia di insediamento di Obama nel 2009 cantò “At Last”, ma la performance non venne particolarmente apprezzata da Etta James, che però poi si scusò di averla criticata dando la colpa alla dipendenza di droghe di cui ha sofferto per gran parte della vita.

Tra i maggiori successi di Etta James ci sono “The Second Time Around”,  “Something’s Got A Hold On Me”, l’album “Etta James Rocks The House” (del 1963, registrato dal vivo al New Era Club di Nashville), “Tell Mama”, “I’d Rather Go Blind”, “Pushover”. “Loving You More Each Day” e moltissimi altri (tra cui “I Just Wanna Make Love To You” utilizzato in uno spot della Coca Cola). Ha pubblicato un nuovo disco – registrato due anni fa – ancora quest’anno, “The dreamer”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.