La battaglia di Austerlitz

Si è combattuta oggi nella Repubblica Ceca, e ha trionfato Napoleone, anche questa volta (la prima fu 206 anni fa)

Alcune migliaia di persone sono arrivate nella cittadina di Slavkov u Brna (il nome ceco di Austerlitz, che è il nome tedesco), vicino a Brno, in Moravia, per partecipare o osservare lo svolgimento della battaglia tra le truppe francesi di Napoleone e quelle russo-austriache nella quarta ricostruzione commemorativa della battaglia originale combattuta qui il 2 dicembre 1805, nota come “la battaglia dei Tre Imperatori” (Napoleone, Alessandro I di Russia e Francesco II del Sacro Romano Impero) . L’organizzazione locale ha fatto sapere che non ci sono stati feriti.

La battaglia di Austerlitz del 1805 fu quella con cui Napoleone sconfisse finalmente i suoi nemici della Terza Coalizione, l’alleanza creata da Gran Bretagna, Impero austriaco, Impero russo, Regno di Napoli e Svezia per sconfiggere Napoleone e ridimensionare le ambizioni francesi sull’Europa. Ma dopo la vittoria napoleonica a Ulm, in Germania, Austerlitz fu il definitivo capolavoro bellico di Napoleone, che ingannò i suoi nemici fingendosi in difficoltà e vinse ottenendo la richiesta di armistizio austriaca e la ritirata russa. Nella battaglia morirono 11000 russi e 4000 austriaci, 12000 uomini furono fatti prigionieri e furono catturati 180 cannoni e 50 bandiere. I francesi persero 1305 uomini ed ebbero 6940 feriti e 573 prigionieri.

Il 26 dicembre la Francia firmò la pace con l’Austria. Russia e Gran Bretagna continuarono a combatterlo per gli anni successivi fino alla sua resa nel 1814, dopo il disastro della campagna di Russia del 1812 che diede la rivincita al generale Kutuzov, già sconfitto ad Austerlitz.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.