• Mondo
  • martedì 22 novembre 2011

A Bangkok le cose migliorano

Un pezzo della capitale della Thailandia sta tornando alla normalità dopo le alluvioni, ma bisogna rimuovere tonnellate di detriti

Centinaia di volontari stanno cercando di riportare alla normalità i quartieri di Bangkok rimasti per quasi un mese allagati da quasi un metro di acqua e fango. Dallo scorso luglio, più di un quinto degli abitanti della Thailandia – che ha una popolazione di 64 milioni di abitanti – sono stati colpiti dalle inondazioni. Almeno 606 persone sono morte. Al momento ci sono ancora diciassette province sott’acqua, compresa la parte occidentale di Bangkok. Il centro della città è rimasto intatto, ma in molti punti sono state costruite barriere con sacchi di sabbia per paura che l’acqua potesse inondare anche il resto.

– Tutti gli articoli del Post sulle alluvioni in Thailandia

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.