• Italia
  • sabato 5 novembre 2011

Un’altra pagina a pagamento sul Corriere, per l’Italia

Giuliano Melani, libero professionista di Pistoia, ha comprato ieri una pagina intera sul Corriere della Sera per invitare gli italiani a comprare titoli di stato italiani e finanziare così il debito pubblico del paese, abbassando il tasso di interesse. L’acquisto di pagine dei giornali (e preferibilmente del Corriere) sta diventando un’abitudine, per lanciare i propri appelli per la salvezza del paese: oggi anche Luigi Turchi, 86 anni, ha comprato una pagina (per la precisione, mezza pagina: la metà inferiore di pagina 20) sul Corriere per invitare “tutti gli italiani” a “uno sforzo comune di coesione e di sentimento unitario del paese”.

Luigi Turchi è stato fondatore, insieme al padre, del quotidiano “Il Secolo d’Italia”, organo ufficiale del Movimento Sociale Italiano dal 1963 e poi di Alleanza Nazionale, fino al suo scioglimento. Suo figlio, nominato nella lettera, è Franz Turchi, che è stato eurodeputato di Alleanza Nazionale dal 1999 al 2004. I link in fondo alla pagina rimandano al sito personale di Franz Turchi e al sito ufficiale di “La Piazza d’Italia”, testata online di cui Franz Turchi è “coordinatore” e che si definisce “giornale di centro-destra di approfondimento politico e culturale”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.