• Mondo
  • lunedì 31 ottobre 2011

Bangkok undici giorni dopo

Le ultime foto dalla capitale della Thailandia, dove oggi le cose dovrebbero iniziare a migliorare

Bangkok è sott’acqua dalla metà di ottobre, precisamente dal 20 ottobre. Quel giorno, infatti, una diga che proteggeva un canale di scolo ha ceduto alla pressione – la Thailandia subisce grandi piogge e alluvioni da settembre – e ha fatto arrivare grandi quantità di acqua in città. Le prime zone ad allagarsi sono state quelle a nord di Bangkok, dove nel frattempo il fiume Chao Phraya usciva dagli argini in molti punti. Oggi è l’undicesimo giorno e per la prima volta volta il livello dell’acqua dovrebbe cominciare a scendere: se le pompe continueranno a funzionare, se i molti argini improvvisati con sacchi di sabbia terranno. Nei giorni scorsi si era riusciti a evitare che l’acqua si allargasse alle zone meridionali della città, ancora all’asciutto. Quindici dei cinquanta distretti della città sono allagati, e gli abitanti di sei di questi sono stati evacuati. Tra le infrastrutture allagate c’è anche il secondo aeroporto della città. Da giorni la fornitura di energia elettrica in città avviene a singhiozzo, e il panico tra i cittadini ha molto ridotto la quantità di cibo e acqua potabile presente nei supermercati. Le alluvioni in Thailandia fino a questo momento hanno ucciso 381 persone.

Tutti gli articoli del Post sulle alluvioni in Thailandia

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.