• Mondo
  • venerdì 28 ottobre 2011

Un altro giorno sott’acqua a Bangkok

Le nuove foto dalla capitale thailandese, dove molti quartieri sono in fase di evacuazione e il livello dell'acqua continua a salire

Le inondazioni che hanno colpito Bangkok nelle ultime settimane hanno toccato tra ieri e oggi il momento di maggiore intensità, allagando anche molti dei quartieri che fino a questo momento erano rimasti al riparo. L’acqua è alta oltre un metro in molte zone della città, in alcune persino oltre due, i quartieri più esposti sono stati evacuati: migliaia di persone ieri hanno raggiunto zone all’asciutto della capitale thailandese. «Il livello dell’acqua continuerà a salire», ha detto Pracha Promnok, capo delle operazioni di soccorso, «e non possiamo fare niente per fermarlo». Il governo thailandese ha esonerato dal lavoro fino alla fine del mese tutti gli abitanti delle 21 province colpite dalle alluvioni. Uno dei due aeroporti della città continua a essere allagato; l’altro, il più grande, è asciutto e protetto da un sistema di dighe.

Le strade della città, nota per il suo intenso traffico, da giorni sono vuote, fatta eccezione per alcuni autobus e veicoli alti abbastanza da potersi muovere in mezzo all’acqua. Le persone si muovono come possono, a piedi, a nuoto o sopra imbarcazioni improvvisate. L’acqua diventa ogni giorno più maleodorante. Molti animali domestici vagano abbandonati. Il fiume che attraversa la città, il Chao Phraya, è esondato lungo molti tratti a nord della città e da lì l’acqua si è mossa verso sud. Ieri l’acqua è arrivata a circondare il Grand Palace, uno dei simboli di Bangkok. Il picco dovrebbe arrivare domani, sabato: il rischio è che i canali di scolo, già messi a dura prova e molti colmi, non reggano e facciano esondare il fiume anche nella zona centrale della città. L’UNICEF ha garantito 300.000 dollari in soccorsi, anche gli Stati Uniti hanno già fornito pompe idrauliche, depuratori e altro materiale. Dallo scorso 25 luglio le alluvioni in Thailandia hanno causato la morte di 373 persone.

Tutti gli articoli del Post sulle alluvioni in Thailandia

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.