• Mondo
  • giovedì 13 Ottobre 2011

Nuovi arresti nelle proteste americane

Mercoledì quattro manifestanti sono stati arrestati a New York e undici a San Francisco

Dopo la cosiddetta “marcia dei milionari” di martedì, mercoledì i manifestanti del movimento Occupy Wall Street hanno organizzato altre proteste davanti alla sedi principali delle banche di numerose città americane, tra cui New York, Washington, Seattle e Philadelphia. Il corteo più grosso si è tenuto a New York, dove i manifestanti hanno protestato davanti alla sede della banca JP Morgan Chase a Manhattan e hanno chiesto di poter parlare con Jamie Dimon, presidente e amministratore delegato della società e diventato un simbolo dei banchieri che hanno stretti contatti con il mondo politico, che però al momento si trova in Asia. I manifestanti avevano già cercato di parlare con Dimon il giorno prima, fermandosi davanti alla sua casa a Manhattan. Durante la protesta la polizia ha arrestato quattro persone. Ci sono stati undici arresti anche a San Francisco, dove i manifestanti hanno circondato e bloccato l’entrata della sede della banca Wells Fargo.

Mercoledì sera il sindaco di New York Michael Bloomberg ha incontrato i manifestanti a Zuccotti Park, dove molte persone sono accampate da quasi un mese. Il sindaco ha spiegato che il parco è stato danneggiato e rovinato dall’accampamento, dove le condizioni sanitarie sono molto scarse, e ha detto che a partire da venerdì verrà ripulito. Il sindaco ha rassicurato i manifestanti dicendo che l’accampamento non verrà sgomberato e che la pulitura del parco avverrà gradualmente in modo da obbligare solo alcune persone a liberare una zona del parco. Quando la zona sarà stata ripulita i manifestanti potranno farci ritorno a patto di rispettare alcune regole sanitarie.

«Noi siamo il 99 per cento», Le storie dei manifestanti di Occupy Wall Street, scarabocchiate da loro
Ripartire da Wall Street, l’analisi del Post sulle proteste
Tutti gli articoli del Post sulle proteste americane