• Mondo
  • mercoledì 12 ottobre 2011

Il passaggio dell’uragano in Messico

Le foto di Jova, che si è abbattuto su alcune località turistiche portando all'evacuazione di oltre 200 persone

Ieri, martedì, la parte sud-occidentale del Messico è stata attraversata da un uragano di seconda categoria secondo la scala Saffir-Simpson – cioè con venti compresi tra i 150 e i 170 chilometri orari. L’uragano, chiamato Jova, ha causato forti piogge e venti nelle località turistiche di Puerto Vallarta, Barra de Navidad e Manzanillo, che è anche il principale porto della costa affacciata sul Pacifico. Verso le 23 l’occhio dell’uragano si trovava a circa 100 chilometri a sud ovest di Manzanillo: al momento si sta spostando verso la zona occidentale del Messico. L’uragano Jova si sta progressivamente indebolendo ma potrebbe comunque causare acquazzoni e inondazioni nel paese: il governo ha allertato circa 1500 soldati per far fronte alla sicurezza dei cittadini e all’eventuale distribuzione di beni di prima necessità.

Per ora l’uragano non ha causato feriti né grossi danni. Il porto di Manzanillo è rimasto chiuso da domenica, 37 persone sono state evacuate, molti negozi e ristoranti sono rimasti chiusi. Lo stato di Jalisco, uno tra i più colpiti dall’uragano insieme a quelli di Colima e Nayarit, ha evacuato circa 200 persone.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.