• Cultura
  • venerdì 23 settembre 2011

La scoperta del secolo è già contestata, da un fumetto

"xkcd", popolarissima striscia online tenuta da un ex scienziato dalla NASA, prende in giro l'annuncio di ieri

Mentre scienziati, appassionati e curiosi di tutto il mondo aspettano di capire quanto fondamento e credibilità abbiano i preannunci delle ultime ore sulla scoperta che potrebbe essere superata la velocità della luce, molti osservatori attenti suggeriscono cautele e ricordano i numerosi precedenti di scoperte scientifiche rivoluzionarie che non hanno retto al vaglio successivo. Tra chi si è già iscritto al popoloso fronte di “dovete mostrarmi ben altro per convincermi” c’è una figura popolarissima su internet: è uno scienziato, ma non è famoso per quello.

Si chiama Randall Munroe e pubblica su internet un giorno sì e uno no la striscia a fumetti “xkcd“, uno dei maggiori successi online del suo genere dal 2005, quando gli elementari disegnini di Munroe cominciarono a essere messi in rete. Oggi Munroe lavora sulla striscia a tempo pieno e i temi ricorrenti riguardano le nuove tecnologie, facendone un oggetto di culto presso i geek e appassionati di internet in tutto il mondo. Oggi ha pubblicato una striscia dedicata alla scoperta sui neutrini, che raccoglie gli scetticismi diffusi, pur non escludendo di sbagliarsi.

Il testo lo ha tradotto in italiano Marco Delmastro sul suo blog.

Prima vignetta:
– Hai visto la storia dei neutrini più veloci della luce?
– Si! Ottima notizia, avevo giusto bisogno di un po’ di soldi.
– Huh? Soldi?

Seconda vignetta:
– Si. Una volta, quando usciva la notizia di uno studio scientifico che avrebbe rivoluzionato tutta la fisica conosciuta, di solito invitavo alla cautela, ricordando alle persone che gli esperti non sono tutti stupidi, e finivo regolarmente in discussioni senza senso a proposito di Galileo.
(Al telefono) No, non si tratta del fatto che la relatività esista, se così non fosse il tuo GPS non funzionerebbe…
– … cosa vorrebbe dire “scienza portata avanti con metodi polizieschi”? Ma hai visto il nostro budget? Non potremmo affatto permetterci la nostra psico-polizia.

Terza vignetta:
– Mi sembra tutto piuttosto triste, e frustrante.
– In effetti. E quindi ho lasciato perdere, e adesso cerco semplicemente degli entusiasti vogliosi di credere alla novità, e scommetto con ognuno di loro 200 dollari che la “scoperta” non reggerà nel tempo.

Quarta vignetta:
– Che crudele.
– È una buona sorgente di guadagno, e nel caso mi sbagliassi, sarei comunque troppo eccitato dalla nuova scoperta da rendermi conto della perdita economica.

P.S. le vignette di Randall Munroe hanno sempre un secondo livello di lettura, “nascosto” nella frase che appare se passate il mouse sulla vignetta (sul suo sito, non qui). In questo caso la frase dice: “Non posso pronunciarmi sulla validità scientifica dell’articolo, ma è comunque veramente figo vedere come a pagina 10 il loro ricevitore GSP di riferimento sia sufficientemente sensibile da misurare la deriva dei continenti sotto il rivelatore (interrotta a metà da un terremoto)“.

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.